Fmi, studio: “Sindacati deboli, più divario ricchi-poveri”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 21 Marzo 2015 17:50 | Ultimo aggiornamento: 23 Marzo 2015 13:19
Fmi, studio pro sindacati: "Dove sono deboli aumenta divario ricchi-poveri"

Susanna Camusso, leader Cgil

ROMA – Il Fondo Monetario Internazionale dedica uno studio al mondo dei sindacati. Ed è uno studio per certi versi sorprendente nelle conclusioni. Secondo Fmi, infatti, il declino del numero dei lavoratori iscritti ai sindacati spiega metà dell’aumento di 5 punti della concentrazione del reddito nel 10% più ricco della popolazione nei paesi avanzati tra il 1980 e il 2010.

Lo studio in questione è in via di pubblicazione ed è stato realizzato dalle economiste del Fondo monetario Florence Jaumotte e Carolina Osorio Buitron..

”L’indebolimento dei sindacati riduce il potere contrattuale dei lavoratori rispetto a quello possessori di capitale, aumentando la remunerazione del capitale rispetto a quella del lavoro” e porta le aziende ad assumere decisioni che avvantaggiano i dirigenti, per esempio sui compensi dei top manager, affermano Jaumotte e Osorio anticipando i risultati della ricerca sulla rivista dell’Fmi ‘Finance & Development’.

Lo studio, intitolato ‘Power from the people’ sulla falsa riga della canzone di John Lennon ‘Power to the people’, esamina diverse misure dell’iniquità (dalla quota di reddito del 10% più ricco della popolazione all’indice di Gini) per i paesi ad economia avanzata. Anche considerando l’impatto della tecnologia, della globalizzazione,della liberalizzazione finanziaria e del fisco, i risultati confermano che ”il declino della sindacalizzazione è fortemente associato con l’aumento della quota di reddito” nelle mani dei ricchi. Questa iniquità, secondo recenti studi, può portare a una crescita minore e meno sostenibile ed essere nociva per la società ”perché consente ai più ricchi di manipolare in proprio favore il sistema economico e politico”, come è emerso anche da uno studio del premio Nobel Joseph Stiglitz..