Frena il pil nell'area Ocse. Solo +0,1% nel quarto trimestre

Pubblicato il 20 Febbraio 2012 12:09 | Ultimo aggiornamento: 20 Febbraio 2012 12:14

ROMA – Frena nel quarto trimestre 2011 il pil dei paesi Ocse. Negli ultimi tre mesi dell'anno la crescita e' stata di appena lo 0,1% contro il +0,6% dei tre mesi precedenti. Rispetto allo stesso trimestre del 2010 il pil e' cresciuto dell'1,3%. Nell'intero 2011 l'economia ha segnato un +1,8%, in deciso rallentamento rispetto al +3,1% del 2010.

L'andamento del pil – evidenzia la stessa organizzazione in una nota – e' stato estremamente differenziato, se non addirittura divergente, nei vari Paesi dell'area. Negli Stati Uniti la crescita ha registrato un'accelerazione dal +0,5% del terzo trimestre al +0,7% del quarto, mentre in Giappone si e' assistito ad una contrazione dello 0,6% dopo un rimbalzo tecnico dell'1,7%. Nell'Unione europea e nell'Eurozona, rileva l'Ocse, il pil e' diminuito dello 0,3%, la prima contrazione del secondo trimestre del 2009.

Tra i Paesi europei, l'Italia (come reso noto la scorsa settimana dell'Istat) e' entrata in recessione, con una contrazione dello 0,7%, segnando il secondo trimestre consecutivo di calo. Segno meno anche per Germania e Gran Bretagna (-0,2% per entrambe), mentre la Francia ha registrato un rallentamento dal +0,3% del terzo trimestre al +0,2% del quarto.