G20: “La ripresa è incerta, restano i rischi al ribasso”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 21 settembre 2014 8:50 | Ultimo aggiornamento: 21 settembre 2014 8:51
G20: "Ripresa incerta, rischi al ribasso"

I ministri al G20 in Australia (foto Ansa)

SYDNEY (AUSTRALIA) – La ripresa economica mondiale procede “incerta”: la crescita è al di sotto della velocità necessaria per creare i necessari posti di lavoro. Lo afferma il G20 nel comunicato finale. “Restano rischi al ribasso”. La politica monetaria nelle economie avanzate – si legge nel comunicato finale – continua a sostenere la crescita e dovrebbe affrontare, in modo tempestivo, le pressioni deflazionistiche, dove necessario, in linea con il mandato delle banche centrali.

Impegno ad accelerare crescita, +2% in cinque anni – Il G20 ribadisce il propri impegno ad accelerare la crescita del 2% a livello mondiale in cinque anni rispetto all’attuale traiettoria. Lo afferma il G20 nel comunicato finale, sottolineando che le riforme strutturali sono importanti in questo contesto. Le misure proposte finora per rafforzare la crescita hanno il potenziale di aumentarla dell’1,8%. “Questo e’ un importante risultato e servono gli sforzi finale per raggiungere l’obiettivo concordato” afferma il direttore generale del Fmi, Christine Lagarde.

Lagarde, crescita mondo debole e incerta, creare lavoro – Il tasso di crescita globale resta basso e incerto. Lo afferma il direttore generale del Fondo Monetario Internazionale (Fmi), Christine Lagarde, commentando il comunicato finale del G20. “Promuovere politiche economiche che contribuiscano a una ripresa più forte e alla creazione di posti di lavoro è essenziale”.

Bce: Visco, forse non servono ulteriori stimoli con calo euro – La Bce potrebbe non aver bisogno di ulteriori misure di stimolo dopo che le azioni degli ultimi mesi hanno spinto al ribasso l’euro. Lo afferma il governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco, in un’intervista all’agenzia Bloomberg, sottolineando che se l’inflazione resta bassa potrebbero essere necessarie ulteriori misure.