Garanzia Italia, allo studio 2,5 miliardi di euro di operazioni con 150 banche

di redazione Blitz
Pubblicato il 30 Aprile 2020 16:11 | Ultimo aggiornamento: 30 Aprile 2020 16:11
Garanzia Italia, allo studio 2,5 miliardi di euro di operazioni con 150 banche

Garanzia Italia, allo studio 2,5 miliardi di euro di operazioni con 150 banche (Foto archivio Ansa)

ROMA  –  Si è svolta giovedì 30 aprile l’audizione di SACE alla Camera dei deputati, davanti alle Commissioni riunite Finanza e Attività Produttive.     

“Il decreto Liquidità – ha dichiarato il Presidente di SACE, Rodolfo Errore – rappresenta un esempio virtuoso tra parti che spesso possono sembrare in contrasto: imprese, banche e Stato. Ma che in questo contesto di emergenza hanno un unico obiettivo comune, la ripartenza”.

Sulla scorta di queste premesse, tra i temi chiave dell’intervento di SACE vi è stato quello dei risultati dell’operatività di Garanzia Italia, il nuovo strumento per sostenere le imprese italiane nel reperire liquidità e finanziamenti necessari per fronteggiare l’emergenza Covid-19 garantendo continuità alle attività economiche e d’impresa.

Dall’avvio dell’operatività di Garanzia Italia il 20 aprile 150 istituti bancari sono già accreditati portale “Garanzia Italia”, sviluppato da SACE per accogliere e gestire le richieste dalle banche fino all’emissione della garanzia controgarantita dallo Stato.

Sono attualmente in corso di valutazione da parte del sistema bancario circa 2,5 miliardi di euro di operazioni in favore di medie imprese che saranno presentate a SACE attraverso il “processo semplificato”.

A queste si aggiungono le operazioni allo studio per grandi imprese, per un ammontare totale di circa 10 miliardi di euro, che saranno presentate attraverso il “processo ordinario”.

“Questa è la fase in cui stiamo lavorando con le banche, affiancandole sia con le nostre strutture centrali che con la nostra rete territoriale – ha spiegato l’amministratore delegato di SACE, Pierfrancesco Latini, rispondendo alle domande delle Commissioni -. Si tratta di operazioni che coinvolgono importi significativi, che richiedono tempi di istruttoria adeguati in taluni casi, strutturazione anche in pool tra banche. Quando poi la richiesta arriva in SACE, la garanzia può essere rilasciata alla banca con il processo semplificato entro 48 ore”.

“Ma il tempo sperimentato è stato ancora più rapido – ha aggiunto Latini – Per la prima autorizzazione concessa il procedimento è stato completato in sole poche ore, con un rilascio della garanzia sostanzialmente immediato e completamente digitale dal momento dell’invio, da parte della banca, della documentazione completa. Un’importante testimonianza dell’avvio positivo del processo”. (Fonte: Sace Simest)