Eni: Gazprom pronta a versare 163 milioni di dollari per entrare nel progetto ‘Elephant’

Pubblicato il 16 novembre 2010 16:48 | Ultimo aggiornamento: 16 novembre 2010 16:50

Gazprom potrebbe pagare 163 milioni di dollari ad Eni in cambio del 16,65% del giacimento petrolifero libico Elephant, in cui Eni è  operatore e presente con una quota del 33,3%. Lo scrive  la stampa specializzata russa in base al prospetto informativo redatto dal colosso russo in occasione dell’emissione di un bond.

”Ci aspettiamo di ricevere la metà delle azioni Eni nel progetto. Il prezzo dell’operazione dovrebbe essere di circa 163 milioni di dollari”, si legge nel documento riportato da ‘Oil Russia’.

Il perfezionamento dell’operazione è previsto per la fine del 2010. Ad aprile scorso Eni ha annunciato l’ingresso di Gazprom nel progetto Elephant, senza però fornire alcun dettaglio sulla quota che sarebbe stata ceduta ai russi né sul prezzo pagato per l’operazione. Il giacimento petrolifero si trova nella zona desertica sud-occidentale della Libia, a circa 800 chilometri da Tripoli.

Il capitale di Elephant è diviso equamente tra istituzioni libiche e un consorzio internazionale di investitori. Del 50% ‘estero’, Eni detiene il 66%: la metà di questa quota potrebbe essere ceduta a Gazprom che entrerebbe così con il 33% del consorzio internazionale e con il 16,65% del capitale complessivo.

5 x 1000