Crolla l’euro? Catastrofe anche per la Germania. “Le costerebbe 3 mld di €”

Pubblicato il 25 luglio 2012 17:40 | Ultimo aggiornamento: 25 luglio 2012 17:44
angela merkel

La cancelliera tedesca Angela Merkel (Foto LaPresse)

BERLINO – Se l’euro crollasse sarebbe una catastrofe anche per la Germania alla quale l’uscita dalla moneta unica costerebbe 3mila miliardi. Ne è convinto l’economista tedesco Lars Feld, uno dei ‘cinque saggi’ consulenti indipendenti del governo tedesco.

”Secondo i nostri calcoli – ha dichiarato Feld in un’intervista al quotidiano Rheinische Post – l’uscita della Germania dall’euro costerebbe all’economia tedesca a breve termine 3,3 mila miliardi di euro”. Per il ‘saggio’ le conseguenze ”sarebbero un’ondata di fallimenti e di disoccupazione”, che colpirebbe ”soprattutto il ceto medio”.

Per evitare che ciò accada, secondo Feld, la Germania si deve impegnare a mantenere la Grecia nell’eurozona, ma senza concedere ulteriori pacchetti d’aiuti. Se si rendesse necessario intervenire, la soluzione sarebbe un ulteriore taglio del debito: ”Stavolta a rinunciare alla restituzione dei capitali sarebbero gli investitori istituzionali, la Bce e lo Stato federale tedesco”, tra gli altri.