Germania, calano l’export e la crescita: “è già recessione”

Pubblicato il 18 ottobre 2011 16:06 | Ultimo aggiornamento: 18 ottobre 2011 16:16

BERLINO, 18 OTT – ”Le prospettive di crescita della Germania sono peggiorate: le imprese che tagliano le proprie stime e gli ordini dall’estero calano”: è la Bundesbank, la Banca centrale tedesca, ad indicare che la crisi è arrivata anche in quella che solo pochi giorni fa il cancelliere Angela Merkel aveva definito “la più grande economia d’Europa”.

Sulla scia del bollettino mensile della Bundesbank, il governo tedesco ha fatto sapere oggi che potrebbe presto ridurre sensibilmente le stime sulla crescita del 2012. I nuovi dati verranno diffusi il 20 ottobre, ma sono già noti i dati dei principali istituti di ricerca, che certo non fanno saltare di gioia i tedeschi.

Tra questi istituti c’è Zaw, che, per bocca dell’economista Michael Schroeder, ha fatto sapere che l’economia tedesca potrebbe essere già in recessione, archiviando così la crescita record degli ultimi tre anni. Non solo: lo stesso istituto di ricerca ha calcolato che l’indice che misura la fiducia degli investitori è sceso ai minimi di tre anni a ottobre, segnando -48,3 contro previsioni per -45. Lo scrive l’agenzia Bloomberg. L’indice e’ in calo per l’ottavo mese consecutivo e riflette i timori di un calo degli investimenti e dei consumi.