Germania: forte calo dell’indice di fiducia delle imprese a luglio

di Redazione Blitz
Pubblicato il 25 Luglio 2014 13:20 | Ultimo aggiornamento: 25 Luglio 2014 13:20
Germania: forte calo dell'indice di fiducia delle imprese

Germania: forte calo dell’indice di fiducia delle imprese a luglio

ROMA – Germania: forte calo dell’indice di fiducia delle imprese. In Germania, l’indice Ifo che monitora il clima di fiducia delle imprese tedesche, è sceso a luglio a 108 punti da 109,7 di giugno, segnando il terzo calo consecutivo. Il dato è anche peggiore delle stime degli economisti che puntavano su una flessione più contenuta a 109,4.

“Le tensioni geopolitiche pesano sull’economia tedesca”, ha considerato il presidente di Ifo, Hans-Werner Sinn. Al momento, ha aggiunto, non è possibile stabilire se queste siano anche un pericolo per la congiuntura. Secondo gli analisti dopo tre cali di seguito si dovrebbe verificare anche un’inversione di tendenza nella crescita economica. “Il primo trimestre è stato per l’economia tedesca insolitamente forte”, ha commentato l’esperto di congiuntura Ifo Klaus Wohlrabe. E quella crescita non è stata replicata nel trimestre successivo: anche così si spiega la moderazione espressa da molte aziende, ha detto Wohlrabe.

Il dato negativo dell’Ifo segue quelli invece più positivi del previsto dell’indice Pmi, relativo ai responsabili degli acquisti delle imprese tedesche. «La Germania sta crescendo a un ritmo veloce, dello 0,7-0,8%, all’inizio del terzo trimestre», afferma Chris Williamson, capo economista di Markit Economics, da Londra. «Il terzo calo consecutivo dell’indice Ifo è davvero deludente. Ma complessivamente gli alti livelli sui quali rimane l’indice continuano a suggerire che l’economia tedesca è ancora in espansione anche se nel secondo trimestre c’è stato un rallentamento». Secondo le previsioni della Bundesbank, l’economia tedesca dovrebbe espandersi dell’1,9% quest’anno, del 2% nel 2015 e poi dell’1,8% nel 2016. (Luca Veronese, Il Sole 24 Ore)

Ricchezza privati sale di 54 mld in trimestre. Nonostante i bassi tassi d’interesse la ricchezza dei cittadini tedeschi prosegue la sua crescita. Nel primo trimestre del 2014 i capitali in Germania detenuti sotto forma di contanti, azioni, depositi e crediti nei confronti delle assicurazioni sono aumentati di 54 miliardi rispetto al trimestre precedente, arrivando alla cifra di 5207 miliardi di euro. Lo ha reso noto oggi la Bundesbank.