Come evitare l’aumento dell’Iva? Polillo: “Servono 8 miliardi subito”

Pubblicato il 26 Giugno 2012 9:12 | Ultimo aggiornamento: 26 Giugno 2012 9:27

Gianfranco Polillo (LaPresse)

ROMA, 26 GIU – Per evitare l’aumento dell’Iva ”dobbiamo trovare 8 miliardi e dobbiamo farlo subito, perche’ piu’ passa il tempo piu’ i tagli da fare aumentano”, parola di Gianfranco Polillo, sottosegretario all’Economia (lo stesso che ha proposto l’accoppiata “meno ferie-più lavoro”), in un’intervista a QN. ”Sulla spending review e sui poteri di Bondi abbiamo distinto due momenti: quello emergenziale, per far fronte alla crisi, e quello di piu’ lungo periodo”, spiega Polillo.

”Prendera’ 6-7 mesi, durante i quali si fara’ una rivisitazione della legislazione. Sul bilancio dello Stato pesano 25mila autorizzazioni di spesa a fronte di leggi che si sono accumulate negli ultimi 50 anni, ci vuole tempo. Nell’ immediato – rileva Polillo – dobbiamo fare i tagli dove e’ possibile. Non so se interverremo su sanita’ o pubblici dipendenti, so che siamo costretti a intervenire in modo rapido”.

Sulle resistenze di partiti e sindacati, ”capisco le esigenze di tutti”, ma ”noi siamo disperati, non sappiamo piu’ dove andare a prendere i soldi”, dichiara Polillo. ”Visto che non possiamo stampare moneta, ci facciano loro proposte realistiche. Ci dica la Camusso cosa fare, ma senza tirare fuori la storia della patrimoniale perche’ l’Imu e’ una mini patrimoniale sulle seconde case ed e’ successo quello che e’ successo”.

Dal vertice di Bruxelles, Polillo dice di aspettarsi ”un cambiamento di clima in modo che la Bce sia piu’ libera, che Mario Draghi abbia più poteri. Ma c’e’ un’altra cosa importante da dire: l’Italia e’ pronta a sottoporsi a un controllo internazionale sui conti pubblici, purche’ – sottolinea il sottosegretario – valga per tutti i paesi. Questo perche’ non abbiamo nulla da temere, siamo i piu’ virtuosi”.