Grecia, accordo con Ue-Fmi: aiuti in cambio di avanzo primario 0,25% nel 2015

di Redazione Blitz
Pubblicato il 11 agosto 2015 8:28 | Ultimo aggiornamento: 11 agosto 2015 8:31
Grecia, accordo con Ue-Fmi: aiuti in cambio di avanzo primario zero nel 2015

Grecia, accordo con Ue-Fmi: aiuti in cambio di avanzo primario zero nel 2015 (foto Ansa)

BRUXELLES – Accordo raggiunto tra Grecia e creditori: la richiesta di Ue e Fmi in cambio degli aiuti è che l’avanzo primario (saldo di bilancio, esclusi i pagamenti di debito) del 2015 dovrà essere pari allo 0,25%, per poi salire allo 0,5% nel 2016 e all’1,75% nel 2017 e al 3,5% nel 2018. Si tratterebbe del terzo salvataggio del Paese.

Il portavoce del ministero delle finanze ha scritto in un tweet: “I negoziati sono terminati, alcuni dettagli rimangono” afferma al termine della maratona di trattative che dura da diversi giorni.

La Reuters ha invece diffuso altri termini dell’accordo: “l’avanzo primario greco che dovrà essere dello 0,5% nel 2016 e dell’1% nel 2017. La Reuters lo apprende da fonti ufficiali, che chiedono l’anonimato. La trattativa tra la Grecia, la Ue e il Fondo Monetario Internazionale prosegue e l’obiettivo è quello di chiudere entro domani. In ballo c’è un piano di salvataggio da 86 miliardi di euro.