Salta il summit Ue di venerdì. Bond greci non valgono più per i prestiti

Pubblicato il 28 Febbraio 2012 9:08 | Ultimo aggiornamento: 28 Febbraio 2012 12:15

ROMA – La Bce ha sospeso temporaneamente l’accettazione dei titoli della Grecia in garanzia a prestiti non esigibili. Lo si legge su Bloomberg. La decisione dell’Eurotower viene dopo che l’agenzia di rating Standard&Poor’s ha abbassato il rating della Grecia, portandolo a ‘SD’, una valutazione di parziale default.

La Bce – si legge in una nota – ha deciso di sospendere temporaneamente l’idoneità degli strumenti di debito emessi o pienamente garantiti dalla Repubblica ellenica per l’utilizzo come garanzie nelle operazioni di politica monetaria”. Una decisione – spiega l’Eurotower – che ”tiene conto del rating della Repubblica ellenica” dopo l’accordo per il coinvolgimento del settore privato  nel salvataggio.

I requisiti di liquidità delle banche saranno garantiti – spiega ancora la Bce – dalle banche centrali nazionali attraverso l’Emergency Liquidity Assistance, lo strumento che fornisce liquidita’ d’emergenza.

I titoli di Stato greci – conclude la Bce – ”torneranno ad essere idonei in linea di principio una volta che sarà attivato lo schema di rafforzamento del collaterale deciso dai capi di Stato o di Governo dell’Eurozona il 21 luglio 2011, e confermato il 26 ottobre 2011, insieme a numerose altre misure volte ad assistere la Grecia nel suo programma di aggiustamento. Questo dovrebbe avvenire entro metà marzo 2012”.

Intanto, il vertice dei leader dell’eurozona che avrebbe potuto svolgersi venerdì non ci sarà. Questa l’indicazione giunta da fonti europee. A far saltare l’ipotesi dell’incontro, che avrebbe fatto seguito al vertice Ue (confermato), sono state le resistenze della Germania a discutere del potenziamento del fondo salva-Stati.

”Il vertice dell’Eurozona non era mai stato convocato, ma e’ vero che c’era questa ipotesi e questa ipotesi ora e’ saltata”, ha riferito un responsabile Ue. ”La discussione sul fondo salva-stati e il suo potenziamento eventuale sara’ fatta entro il mese di marzo, probabilmente a livello di soli ministri dell’Eurogruppo”, ha indicato il responsabile.

”L’unico momento previsto tra i soli 17 leader della zona dell’euro e’ giovedi’ sera, quando nomineranno Herman van Rompuy presidente dell’Eurosummit”, ha poi precisato.    Oltre che presidente dell’Eurosummit, cioe’ il format che riunira’ i capi  di stato e di governo della zona dell’euro almeno due volte l’anno, giovedi’ sera van Rompuy sara’ anche confermato da tutti e 27 gli stati membri presidente stabile della Ue per un  secondo e ultimo mandato di due anni e mezzo.

Confermato l’Eurogruppo a livello di ministri delle finanze giovedì pomeriggio, prima dell’avvio dei lavori del Vertice, per discutere dell’implementazione dell’accordo sulla Grecia.