Ichnusa lancia “Vuoto a buon rendere”: salva ambiente e crea nuovo lavoro

di Redazione Blitz
Pubblicato il 20 settembre 2018 22:11 | Ultimo aggiornamento: 24 settembre 2018 9:38
Ichnusa, bottiglia riutilizzabile: lancia Vuoto buon a rendere

Ichnusa lancia “Vuoto a buon rendere”: salva ambiente e crea nuovo lavoro

MILANO – Vuoto a buon rendere. Questo il nome dell’iniziativa lanciata dalla birra sarda Ichnusa che invita i suoi consumatori a rilanciare la virtuosa pratica del riportare indietro la bottiglia vuota per sostituirla con una piena. Una iniziativa che non solo porterà benefici all’ambiente, ma che implica anche la creazione di nuovi post di lavoro nel birrificio di Assemini.

A presentare l’iniziativa è Matteo Borocci, direttore del birrificio sardo. A partire dal 2018 Ichnusa ha inaugurato una linea di confezionamento dedicata proprio al nuovo formato del vuoto a rendere (da 0,20 cl, 0,33 cl e nel formato da 0,66 cl) che ha anche una nuova veste: un tappo distintivo di colore verde e una nuova etichetta con il nome del progetto e con le parole chiave ‘riuso, impegno e rispetto’.

Una nuova linea doppiamente importante. Da un lato, dice Borocci, “porterà a una diminuzione di oltre un terzo delle emissioni di gas a effetto serra e ad una sostanziale riduzione di consumo energetico”. Dall’altro è un “investimento importante che favorirà anche nuove assunzioni, registrando un incremento tra il 10% e il 15% della forza lavoro nel birrificio di Assemini”.

Attraverso l’iniziativa del vuoto a rendere Ichnusa lancia così un messaggio di impegno verso la sostenibilità ambientale: “Una bottiglia può essere riutilizzata fino a 20 anni – ha spiegato Alfredo Pratolongo di Heineken -. Questo vuol dire anche un conseguente risparmio di energia. Attraverso la nuova etichetta parliamo in modo diretto ai consumatori chiedendo di sostenere la pratica del vuoto a rendere come gesto d’amore per la Sardegna”.