Imprese/ Rapporto Bankitalia tiene l’occupazione ma calano gli investimenti. Situazione in peggioramento nel 2009

Pubblicato il 28 Luglio 2009 17:20 | Ultimo aggiornamento: 28 Luglio 2009 18:18

BankitaliaMeno investimenti e meno fatturato, ma una sostanziale tenuta dell’occupazione: è  quanto emerge dal campione di imprese industriali e dei servizi su cui la Banca d’Italia ha svolto l’indagine riportata oggi nel Supplemento al Bollettino Statistico.

Lo studio, riferito al 2008,  si accompagna a stime peggiori per l’anno in corso. Si rileva in primo luogo, una crescita poco percettibile dell’occupazione media pari a 0,1%, anche se si registrano aree di sofferenza nel segmento tra i 20 e i 49 addetti in cui c’è stata una flessione dell’1,6 del 2%, rispettivamente per le imprese industriali e dei servizi.

Meglio le aziende con 500 addetti e oltre con una riduzione dello 0,3% nell’industria e un aumento dell’1,3% nei servizi. Il 2008 è stato un anno negativo per il fatturato e per gli investimenti, con una contrazione rispettiva del 2,3% e dell’1,5 con un’accentuazione per le imprese industriali.

Queste segnano, difatti, un calo del fatturato del 2,8% mentre il terziario cede dell’1,8%. Gli investimenti registrano invece un tasso specifico differenziato, che va dallo scivolone del 3,5% nei servizi ad un più confortante aumento del 3,2% per le imprese industriali del Nord Ovest e dell’11,3% per quelle del Mezzogiorno.

L’indagine campionaria, svolta tra febbraio e aprile scorso,  presenta inoltre alcune previsioni per il 2009, che si mostrano decisamente più negative. L’occupazione media, stando alle attese, dovrebbe contrarsi del 2,1% (-3,3% per ciò che riguarda l’industria in senso stretto e -0,7% nel terziario) con un calo degli addetti omogeneo per tutti i settori tranne i servizi alle imprese e alle famiglie (+0,3).

Netta contrazione anche per il fatturato (-3,8%) e per gli investimenti (-11,7%), con connotazioni specialmente negative a carico dell’industria in senso stretto (-18,2% con una punta di 21,2% nel manifatturiero e del 27,7% nelle manifatture con meno di 50 addetti).