Imu 2013: sulle case affittate + 140% nelle città

Pubblicato il 26 Giugno 2013 11:50 | Ultimo aggiornamento: 26 Giugno 2013 11:50
l'aggravio per lo Stato sarebbe di "70 milioni in tutto

l’aggravio per lo Stato sarebbe di “70 milioni in tutto

ROMA – Imu 2013: sulle case affittate aumento del 140% nelle città. Sulle case date in affitto la stangata Imu 2013 vale anche il 140% di aggravio rispetto alla tassazione Ici, nei grandi centri urbani. Vale per tutti i contratti d’affitto, dagli appartamenti a contratto libero (4 anni più 4) che quelli affittati a canone concordato (3 anni più 2).

La circostanza più preoccupante però è che l’aumento è avvenuto anche da un anno all’altro, rispetto cioè all’Imu 2012: anche il 40% in più per effetto dell’innalzamento delle aliquote dei Comuni. Il 7,6 per mille può arrivare fino al 10,6. Ora, la proposta (da Confedilizia e dallo stesso Pd) è che almeno sugli affitti a canone concordato si applichi un’aliquota del 4 per mille, come sulla prima casa. L’aggravio per lo Stato sarebbe di 70 milioni in tutto.