Governo annuncia: “Nuovo intervento sull’Imu entro la fine dell’anno”

Pubblicato il 5 ottobre 2012 14:19 | Ultimo aggiornamento: 5 ottobre 2012 14:20

ROMA – Una diversa distribuzione del gettito Imu nel rapporto tra Stato e Comuni?. Il governo ci sta pensando. Lo ha annunciato il sottosegretario all’Economia Vieri Ceriani intervenendo alla Commissione Finanze della Camera. L’operazione verrà probabilmente effettuata attraverso una legge ordinaria, dato che i tempi sono più brevi rispetto a quelli degli eventuali decreti legislativi necessari.

Sul tavolo della Commissione la possibilità di inserire nella delega fiscale forme di progressività per quanto riguarda l’Imu nei confronti delle famiglie o dei pensionati maggiormente in difficoltà, e pure quella di trasferire l’intero introito ai Comuni. Quest’ultima ipotesi viene, però, scartata da Ceriani: “La proposta di attribuzione dell’intero gettito derivante dall’Imu ai Comuni non sarebbe effettivamente realizzabile lasciando invariato l’importo del fondo di riequilibrio. Possono esserci due soluzioni tecniche: da un lato una perequazione orizzontale, con il trasferimento di parte del gettito Imu dallo Stato al fondo di riequilibrio; dall’altro la destinazione diretta di una quota del gettito derivante dall’Imu al fondo perequativo stesso”.

Il ministero dell’Economia ha anche annunciato che nel periodo gennaio-agosto 2012 si è registrato un calo del gettito Iva (-1,3%, pari a 913 milioni in meno). Questa variazione è dovuta all’aumento della componente Iva nel prelievo sull’import (+0,7%) e al calo della componente degli scambi interni, che risente della stagnazione della domanda soprattutto per i beni di consumo durevoli, compensata però in parte dall’aumento dell’aliquota.

Nonostante il calo del gettito Iva però le entrate tributarie sono cresciute a ritmi superiori rispetto all’analogo periodo dello scorso anno. Tale aumento è pari al 4,1% (+10.462 milioni di euro).