“Industrial Animal Spirit”: vocazione industriale italiana, il convegno (14/6)

di Redazione Blitz
Pubblicato il 28 Maggio 2014 14:22 | Ultimo aggiornamento: 28 Maggio 2014 14:22
"Industrial Animal Spirit": vocazione industriale italiana, il convegno (14/6)

“Industrial Animal Spirit”: vocazione industriale italiana, il convegno (14/6)

MILANO – “Industrial Animal Spirit”: vocazione industriale italiana, il convegno (14/6). The Ruling Companies, associazione no-profit con l’obiettivo di promuovere cultura d’impresa in un  paese avanzato (il Consiglio Direttivo è espresso dalle Imprese Associate) ha in programma (il 14 giugno all’Hotel Four Seasons di Milano) un incontro dedicato al destino dell’industria italiana. Vasto programma, se non fosse che è drammaticamente d’attualità l’ininterrotta perdita di quote di produzione industriale e manifatturiera. “Industrial Animal Spirit – Come l’Italia può ritrovare la propria vocazione industriale” offrirà palcoscenico e uditorio a un dibattito non rinviabile. Introduce contenuti e spunti di riflessione il vice presidente di Ruling Companies, Patrizia Gaverzi:

In un Paese avanzato nel quale la quota dei servizi è decisamente preponderante, qual è il ruolo e il peso dell’industria manifatturiera? Quale l’equilibrio da individuare tra produzione interna e delocalizzazione produttiva? Internazionalizzarsi conviene ancora? E se conviene, dove e a quali condizioni? Quando è meglio riportare le strutture produttive nelle aree di origine? E quanto potranno incidere sulle capacità di competere le nuove forme del flexible manufacturing?

Sono questioni che sono ormai di estrema attualità per molti Paesi, a partire dagli Stati Uniti che da diversi anni hanno avviato una selezionata attività di riposizionamento e di re-shoring, dopo aver capitanato per lungo tempo la pratica dell’outsourcing e quella dell’offshoring. L’incontro organizzato con la collaborazione di The Boston Consulting Group, affronterà con alcuni importanti protagonisti dell’industria italiana alcuni dei temi più rilevanti e caldi del momento, “per un nuovo rinascimento industriale” dell’Italia, quali: Tomaso Carraro, Vice Presidente, Carraro Group;  Giuseppe Falco, CEO, The Boston Consulting GroupMarco Gay, Presidente, Giovani Imprenditori di ConfindustriaBruno Lamborghini, Presidente, AICA e Prometeia