Intesa, rosso da 4,5 miliardi nel 2013. Dividendo confermato: 5 cent ad azione

di Redazione Blitz
Pubblicato il 28 Marzo 2014 15:50 | Ultimo aggiornamento: 28 Marzo 2014 15:51
Intesa, rosso da 4,5 miliardi nel 2013. Dividendo confermato: 5 cent ad azione

(Foto Lapresse)

MILANO – Intesa Sanpaolo in rosso per 4,5 miliardi nel 2013. La causa? Una politica di accantonamenti “rigorosa e prudenziale”, spiegano dalla banca in una nota, in cui comunque confermano un  dividendo di 5 centesimi per azione. Nel solo quarto trimestre il rosso è ammontato a 5,19 miliardi di euro. Nel 2012 le perdite erano state di 1,6 miliardi.

Sui conti del 2013 pesano i 7,1 miliardi stanziati a fronte dei rischi creditizi e rettifiche di valore sugli avviamenti per 6,8 miliardi. Senza le svalutazioni, fanno notare sempre dalla banca, l’utile netto sarebbe stato di 1,2 miliardi, e di 578 milioni nel corso del solo quarto trimestre.

Intesa Sanpaolo ha varato il nuovo piano di impresa 2014-2017. Stima di raggiungere alla fine del periodo un utile netto di 4,5 miliardi con un monte dividendi complessivo di 10 miliardi di euro per l’intero arco di piano: 1 miliardo nel 2014, 2 miliardi nel 2015, 3 miliardi nel 2016, 4 miliardi nel 2017.

Il piano si basa sul potenziamento del business esistente, la cessione di attività non core, la valorizzazione “delle persone e degli investimenti come fattori abilitanti”, e l’individuazione di nuovi motori di crescita, come la “Banca 5” all’interno della Banca dei Territori, con 3mila gestori dedicati, che verrà varata nel 2017. Questa banca offrirà carte di debiti e di credito, finanziamenti personali, assicurazioni danni e investimenti a 5 milioni di clienti.  Tra le misure presenti nel piano anche la chiusura di 800 filiali entro il 2017, che porterà gli sportelli retail in Italia a soli 3.300.