Irpef regionale più alta già dalla prossima busta paga

Pubblicato il 6 Dicembre 2011 16:04 | Ultimo aggiornamento: 6 Dicembre 2011 16:09

ROMA – Irpef più salata già dal prossimo mese in busta paga. E’ uno degli effetti della manovra del governo Monti che ha ritoccato l’imposta per poter mettere una toppa alla spesa sanitaria che, soprattutto in alcune Regioni, è in rosso. Il prelievo passa dallo 0,90% all’1,23% . Ma all’1,23% nazionale si aggiungono le addizionali aggiuntive decise dalle singole Regioni che possono aumentare fino a un massimo dello 0,50%. Non solo: nelle Regioni in cui i bilanci della sanità sono in default l’addizionale può crescere di un ulteriore 0,30%.

A conti fatti i più penalizzati sono soprattutto i contribuenti del Sud (Calabria, Campania e Molise in testa) che oggi pagano un’aliquota dell’1,7% ma che a breve si trasformerà in un 2,03%. I primi a essere colpiti saranno lavoratori dipendenti e pensionati, “alleggeriti” fin da gennaio.