Istat, cala ancora il Pil: -2,4 annuo. “1 italiano su 4 a rischio povertà”

Pubblicato il 10 Dicembre 2012 12:34 | Ultimo aggiornamento: 10 Dicembre 2012 12:36
Istat: Pil in calo del 2,4% in un anno

ROMA – Ancora crollo per il Pil italiano: secondo l’Istat nel terzo trimestre del 2012 il prodotto interno lordo è diminuito dello 0,2% rispetto al trimestre precedente e del 2,4% nei confronti del terzo trimestre del 2011. Lo comunica l’Istat confermando la stima preliminare. Si tratta del quinto trimestre consecutivo in cui si registra un calo congiunturale della crescita.

Secondo l’Istat oltre un quarto degli italiani è a rischio povertà o esclusione sociale. Nel 2011 il 28,4% delle persone residenti è a rischio povertà o esclusione sociale, in crescita di 2,6 punti percentuali rispetto al 2010.

Ma un nuovo pesante calo si registra anche per la produzione industriale a ottobre. L’indice calcolato dall’Istat è diminuito dell’1,1% rispetto a settembre. Nella media del trimestre agosto-ottobre l’indice ha registrato una flessione dello 0,5% rispetto al trimestre immediatamente precedente. Corretto per gli effetti di calendario, l’indice è diminuito del 6,2% in termini tendenziali (i giorni lavorativi sono stati 23 contro i 21 di ottobre 2011). Si tratta del quattordicesimo calo consecutivo su base annua. Nella media dei primi dieci mesi dell’anno la produzione è diminuita del 6,5% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.