Istat: calano consumi, Pil, importazioni e investimenti

di Redazione Blitz
Pubblicato il 10 settembre 2013 14:55 | Ultimo aggiornamento: 10 settembre 2013 14:55

Istat: calano consumi, Pil, importazioni e investimentiROMA – Continua a calare la spesa delle famiglia italiane: secondo le stime Istat nel secondo trimestre del 2013 c’è stata una diminuzione del 3,2%. Diminuiti soprattutto gli acquisti di beni durevoli (-7,1%), mentre quelli di beni non durevoli sono calati del 3,3% e quelli di servizi dell’1,8%.

In calo anche il Pil, diminuito dello 0,3% rispetto al trimestre precedente e del 2,1% nei confronti del secondo trimestre 2012.

Si spende meno, si risparmia meno e si importa meno: -0,3% rispetto al trimestre precedente, mentre aumentano le esportazioni (+1,2%).

Se nessun settore si salva dalla crisi l’industria vede segnali di ripresa. Male invece l‘agricoltura. 

Nel secondo trimestre del 2013 l’indice dei prezzi dei prodotti venduti dagli agricoltori è aumentato del 9,9% nei confronti dello stesso trimestre del 2012 mentre diminuisce dello 0,8% rispetto al trimestre precedente. C’è stata una impennata dei prezzi agricoli nella dinamica tendenziale degli indici mensili con una netta accelerazione dal 6,4% di aprile all’11,5% di giugno.

Nel secondo trimestre del 2013 i maggiori incrementi su anno si registrano per i prezzi delle patate (+32%), del vino (+20,9%) e della frutta (+16,8%). Mentre i prezzi dei prodotti vegetali in genere registrano un aumento del 14,8% e quelli degli animali del 4%.