Istat, stallo nell’Industria: fermi fatturato e ordinativi

Pubblicato il 17 Dicembre 2010 11:09 | Ultimo aggiornamento: 17 Dicembre 2010 11:09

Ad ottobre gli ordinativi dell’industria hanno registrato una variazione nulla rispetto al mese precedente; mentre sull’anno c’è stato un aumento del 12,4% (dato grezzo). Lo rileva l’istat. A spingere, rispetto al mese di settembre, è stato in particolare l’export: gli ordinativi nazionali hanno registrato una diminuzione dell’1,2% e quelli esteri una crescita del 2,3%. In calo anche il fatturato degli autoveicoli che è calato del 2,5% rispetto allo stesso mese del 2009, mentre gli ordini sono scesi del 19%.

Il fatturato su base congiunturale è aumentato dello 0,4% sul mercato interno e del 2,4% su quello estero (dati destagionalizzati). Su base annua si è registrata una crescita del 9,7% sul mercato nazionale e del 22,4% su quello estero (dati corretti per gli effetti di calendario). Nel confronto tendenziale relativo al periodo gennaio-ottobre, l’indice del fatturato corretto per gli effetti di calendario ha segnato una crescita del 9,8%.

Guardando ai raggruppamenti principali di industrie il fatturato ad ottobre, rispetto allo stesso mese del 2009, è aumentato del 17,9% per i beni intermedi, del 17,6% per l’energia, del 16,1% per i beni strumentali e del 4,9% per i beni di consumo. Quanto ai settori di attività economica le variazioni positive più ampie, sempre su base tendenziale, si sono rilevate per i settori della metallurgia e fabbricazione di prodotti in metallo (+26,9%), della fabbricazione di macchinari e attrezzature N.c.a. (+21,8%), nelle fabbricazioni di prodotti chimici e delle industrie tessili, abbigliamento, peli e accessori (+19,8% in entrambi i casi).