La classifica degli evasori: commercianti 22,5%, costruttori 20,5%…

di redazione Blitz
Pubblicato il 2 ottobre 2014 12:53 | Ultimo aggiornamento: 2 ottobre 2014 13:26
La classifica degli evasori: commercianti 22,5%, costruttori 20,5%...

La classifica degli evasori: commercianti 22,5%, costruttori 20,5%…

ROMA – Novantuno miliardi all’anno. A tanto ammonta l’evasione fiscale in Italia secondo un corposo rapporto del Tesoro presentato martedì al Consiglio dei ministri e ora inviato al Parlamento. A evadere sono per lo più commercianti (22,5%), imprenditori nel settore costruzioni (20,5%), imprenditori manifatturieri (8,5%), professionisti (6,1%).

Tra questi emerge che è il Nord, con la sua maggiore ricchezza prodotta, a segnare il maggior divario tra tasse dovute e tasse pagate: ben 47,6 sui 91 miliardi di ”tax gap” nazionale.

Il ministero calcola che dall’Unità d’Italia ad oggi, in 153 anni di storia, ci sono state ben 80 sanatorie. E annuncia, la nuova parola d’ordine sarà: “Mai più condoni”.

In generale, scrive il ministero, la nuova strategia dell’Agenzia delle entrate che punta a controlli mirati sui grandi evasori sembra portare i primi frutti: il 4% in meno di accertamenti (circa 713 mila rispetto ai 741 mila del 2012), ma maggior recupero (13,1 miliardi contro 12,5 miliardi). I grandi contribuenti e le imprese di medie dimensioni destinatari di appena il 5,3% dei controlli totali hanno però consentito di recuperare la maggiore imposta accertata e dunque ben 9 miliardi, il 37,6% del totale.