Lamborghini resta in Italia: nuovo Suv prodotto a Bologna. 500 posti di lavoro

di redazione Blitz
Pubblicato il 25 Maggio 2015 23:54 | Ultimo aggiornamento: 25 Maggio 2015 23:54
Lamborghini resta in Italia: nuovo Suv prodotto a Bologna. 500 posti di lavoro

Lamborghini resta in Italia: nuovo Suv prodotto a Bologna. 500 posti di lavoro

BOLOGNA – Urus, il nuovo Suv della Lamborghini sarà fabbricato in Italia, nella sede storica di Sant’Agata Bolognese. Una notizia che per il territorio emiliano potrebbe tradursi in una boccata d’ossigeno occupazionale del valore di 500 nuovi posti di lavoro che si aggiungerebbero agli oltre mille che già lavorano alla Lamborghini.

L’annuncio è previsto per mercoledì al termine dell’incontro a Palazzo Chigi con il premier Matteo Renzi e i vertici del gruppo tedesco di Audi-Volkswagen, che dal 1998 controllano la Lamborghini. L’azienda di Sant’Agata Bolognese, grazie ad alcuni incentivi che sarebbero in arrivo e ad un rinnovato patto per la competitività siglato con i sindacati, è riuscita così a battere la concorrenza della Slovacchia che aveva messo sul piatto posti di lavoro più a basso costo.

Né da Palazzo Chigi, né dalla Lamborghini arrivano conferme ufficiali in questo senso, anche perché sarebbero da limare ancora gli ultimi particolari. Ma, oltre alle indicazioni in tal senso raccolte in ambienti economici bolognesi, un indizio importantissimo del fatto che la Lamborghini abbia infine scelto di produrre il Suv Urus a Sant’Agata è arrivato sabato, quando sindacati ed azienda hanno annunciato il raggiungimento di un accordo che applicherà allo stabilimento bolognese il modello di relazioni industriali della Volkswagen, gruppo del quale la Lamborghini fa parte.

Nell’accordo si dà ampio risalto, oltre che ai diritti e alle retribuzioni, anche all’aumento dei posti di lavoro. L’intesa è stata salutata con grandissima soddisfazione dalla Fiom bolognese e sembra un viatico naturale alla decisione di produrre il Suv proprio nello storico stabilimento di Sant’Agata.

Il concept di Urus è stato presentato tre anni fa dalla Lamborghini. In seguito è arrivata la conferma dell’intenzione della casa del Toro di andare avanti con la produzione. L’accordo per l’avvio della fase operativa è arrivato alle strette finali e mercoledì, da Palazzo Chigi, governo e azienda annunceranno le loro intenzioni. Che dovrebbero rappresentare una buona notizia anche per l’occupazione.