Dove si lavora di più nel mondo? Non in Italia o in Ue, ma in Corea del Sud

di Redazione Blitz
Pubblicato il 18 settembre 2018 5:00 | Ultimo aggiornamento: 18 settembre 2018 8:29
Lavoro, ecco in quali Paesi si lavora di più: Corea del Sud batte Italia

Dove si lavora di più nel mondo? Non in Italia o in Ue, ma in Corea del Sud (Foto archivio Ansa)

ROMA – Dove si lavora di più nel mondo? Non in Italia, come tutti ben sappiamo, non in Europa, dove tutti i Paesi hanno un numero massimo di ore settimanali e solo il Belgio e la Turchia un orario di lavoro legale di oltre 48 ore. All’estremo opposto, c’è la Corea del Sud che attualmente ha orari di lavoro più lunghi rispetto a qualsiasi altro paese sviluppato: una media di 2.069 ore all’anno, per lavoratore, secondo i dati 2016 elaborati dall’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, OCSE.

Nel tentativo di aumentare la produttività del Paese e il numero di nascite diminuito in modo sostanziale negli ultimi dieci anni, lo scorso marzo l’Assemblea nazionale della Corea del Sud, nonostante l’opposizione degli imprenditori ha approvato una legge che ha ridotto la settimana lavorativa da 68 ore a 52 ore. La nuova legge è entrata in vigore nel luglio 2018, anche se inizialmente è stata applicata solo alle grandi aziende. L’analisi dell’OCSE ha riguardato 38 paesi e ha dimostrato che solo i messicani (2.225 ore/anno) e i costaricani (2.212 ore/ anno) hanno lavorato più ore.

I sudcoreani sono in controtendenza rispetto alla tendenza globale: gli studi condotti dall’Organizzazione internazionale del lavoro (OIL) mostrano che i paesi a reddito medio-basso tendono a lavorare più a lungo rispetto a quelli più ricchi, per una serie di fattori che vanno dall’insicurezza del lavoro e le questioni culturali. Ma la Corea del Sud non è l’unico paese ricco in controtendenza: il Giappone ha il problema della “morte per superlavoro”, indicato non solo nelle statistiche ma anche dal fatto che la lingua giapponese per questo decesso ha un termine preciso: karoshi.

Letteralmente significa “dipendenti che muoiono” sia per disturbi legati allo stress (infarto, ictus) che per il suicidio a causa delle pressioni derivanti dal lavoro. In Giappone, la media di 1.713 ore l’anno di lavoro non è tra le più alte nell’elenco OCSE, ma al di là del numero, c’è la triste realtà che il paese non ha alcuna legislazione che stabilisca un tetto massimo di ore settimanali e nessun limite di straordinari. Nell’anno finanziario 2015-16, il governo ha registrato un record di 1.456 casi di karoshi. I gruppi per i diritti dei lavoratori affermano che le cifre reali potrebbero essere molto più elevate.

Nelle Americhe e nei Caraibi, il 34% delle nazioni non ha un limite di ore settimanali e uno dei paesi senza un limite è gli Stati Uniti. Secondo le cifre più recenti dell’ILO, l’Asia è un continente in cui più persone lavorano più ore: la maggior parte dei paesi (32%) non ha un limite nazionale per le ore di lavoro settimanali e un altro 29% ha soglie elevate (60 ore settimanali o più ). E solo il 4% dei paesi si attengono alle raccomandazioni dell’OIL e stabiliscono gli standard internazionali del lavoro per un massimo di 48 ore o meno per la settimana lavorativa.

Ma è in Medio Oriente che i limiti legali sono ancora più flessibili: otto paesi su 10 consentono orari di lavoro superiori alle 60 ore settimanali. L’Africa mostra il maggior numero di paesi in cui più di un terzo della forza lavoro lavora oltre 48 ore alla settimana. Il tasso in Tanzania, ad esempio, è del 60%. I sondaggi hanno rilevato le città anche in termini di ore medie.

Nel 2016, Swiss Bank UBS ha pubblicato un’analisi di 71 città: Hong Kong aveva una media di 50,1 ore di lavoro settimanali, seguita da Mumbai (43,7), Città del Messico (43,5), Nuova Delhi (42,6) e Bangkok (42,1). I messicani, a parte il numero di ore lavorative, sono soggetti anche a un regime di ferie retribuite poco invidiabile: 10 giorni all’anno, come in Nigeria, Giappone e Cina, ad esempio, mentre in Brasile c’è un minimo compreso tra 20 e 23 giorni. Ma c’è chi sta peggio: in India, dove non esiste un limite nazionale per l’orario massimo di lavoro, il personale non ha giorni di ferie garantite.