Legge di Stabilità: la doppia Irpef sulla seconda casa

di Redazione Blitz
Pubblicato il 15 Ottobre 2013 12:48 | Ultimo aggiornamento: 15 Ottobre 2013 12:57
Legge di Stabilità: la doppia Irpef sulla seconda casa

Legge di Stabilità: la doppia Irpef sulla seconda casa

ROMA – Legge di Stabilità: la doppia Irpef sulla seconda casa. Se l’Imu prima casa è stata abolita quasi del tutto (resta per quelle di lusso) lo si deve anche, soprattutto, alla reintroduzione a sorpresa dell’Irpef fondiaria al 50% sugli immobili diversi dall’abitazione principale decisa nella legge di Stabilità. La stangata sulla seconda casa, praticamente, raddoppia l’Irpef. Viene calcolata così: si divide a metà la rendita catastale, se la casa è a disposizione di un congiunto si aggiunge un 5% al risultato, se è sfitta e a disposizione si aggiunge invece un altro 33%. Considerando i nuovi prelievi sui servizi indivisi da pagare al Comune, Imu e Irpef fondiaria, il Corriere della Sera stima che lo stesso appartamento che vale 1000 euro di rendita catastale paga al massimo 168 euro al Comune se è prima casa, ne paga addirittura 1949 se è seconda casa.

Piccola consolazione (o anche via d’uscita per pagare meno) è offerta nel caso l’immobile venga dato in uso a un figlio o a un genitore: con una rendita catastale inferiore ai 500 euro, o con un reddito Isee di chi abita la casa inferiore ai 15 mila euro, l’immobile è considerato prima casa (esente da Imu e Irpef fondiaria).