Legge di stabilità, sconti fiscali: “Niente tagli retroattivi”

Pubblicato il 25 Ottobre 2012 14:50 | Ultimo aggiornamento: 25 Ottobre 2012 23:49
Sconti fiscali, niente tagli retroattivi. Lo chiede la Commissione Finanze alla Camera nel dare parere favorevole alla Legge di Stabilità

ROMA – Così come richiesto da tutte le forze politiche, come avanzato da destra e da sinistra, la Commissione Finanze alla Camera ha chiesto di cancellare la retroattvità delle nuove norme sulle detrazioni e sulle deduzioni. Con ogni probabilità dunque i tagli agli sconti fiscali non avranno effetto retroattivo.

E’ la prima condizione posta dalla Commissione Finanze, nel dare parere favorevole alla Legge di Stabilità.

La Commissione ha chiesto poi di rivedere la Tobin tax: è necessario, secondo la commissione, differenziare le aliquote fra operazioni su azioni e su derivati, e fra questi ultimi distinguere fra quelli stipulati a fini esclusivamente speculativi e quelli legati a reali operazioni imprenditoriali.

Intanto il presidente della Consob, Giuseppe Vegas, pone l’attenzione sui rischi di elusione legati proprio alla Tobin tax: “Rimanendo ferma la possibilità per i non residenti di effettuare all’estero transazioni su azioni italiane senza essere tenuti al pagamento dell’imposta, permangono rischi di elusione, attraverso la delocalizzazione di importanti comparti dell’industria finanziaria nazionale”. Vegas ha avvertito, nel corso di un’audizione alla commissione Finanze, che i rischi “potrebbero essere amplificati” dall’anticipazione della tassazione italiana rispetto alla direttiva Ue con rischi di “spiazzamento anche irreversibili, sui mercati”, anche solo come normativa ponte.