Lockdown: era proprio necessario? Nuovi studi: la mascherina vale il 5% del pil

di Caterina Galloni
Pubblicato il 26 Agosto 2020 7:13 | Ultimo aggiornamento: 25 Agosto 2020 18:19
Lockdown: era proprio necessario?

Lockdown: era proprio necessario? Nuovi studi: la mascherina vale il 5% del pil (foto ANSA)

Lockdown contro il covid: è stato davvero un bene? Una nuova teoria al riguardo, comincia a farsi strada.

I lockdown? “Sono eccessivamente traumatici e costosi”, è la conclusione del Wall Street Journal, con un lungo articolo firmato da Greg Ip, Chief Economics Commentator del giornale.

La strategia di molti governi per contrastare il coronavirus è stata draconiana, mai utilizzata nei tempi moderni.

Restrizioni severe e diffuse sulle attività quotidiane hanno contribuito a far entrare il mondo in una profonda crisi, la peggiore in tempo di pace dalla Grande Depressione.

Cinque mesi dopo, le prove indicano che i lockdown sono traumatici ed economicamente costosi.

“Le prove indicano inoltre che delle strategie alternative potrebbero rallentare la diffusione dell’epidemia a costi molto inferiori.

In tutto il mondo, scrive Greg Ip, sono stati persi 400 milioni di posti di lavoro, di cui 13 milioni solo negli Stati Uniti.

Secondo il Fondo monetario internazionale, nel 2020 la produzione globale dovrebbe scendere del 5%, ben peggio che durante la crisi finanziaria.

Nonostante questo costo elevato, i politici hanno ordinato la chiusura di attività non essenziali, esortato le persone a rimanere a casa, il tutto senza l’analisi approfondita dei benefici e dei rischi.

Non c’era tempo per analizzare quel tipo di prove: di fronte a un agente patogeno poco conosciuto e in rapida diffusione, hanno dato la priorità alla salvezza di vite umane.

“Siamo sull’orlo di una catastrofe economica”, ha detto James Stock, un economista dell’Università di Harvard che, con l’epidemiologo di Harvard Michael Mina e altri, sta cercando di studiare la modellizzazione per poter evitare un’ondata di morti senza un lockdown profondamente disastroso”.

La sofferenza economica della pandemia non è causata da persone malate ma principalmente da persone sane che cercano di non contrarre il virus.

Consumatori e lavoratori che rimangono a casa e aziende che riorganizzano o sospendono la produzione.

Molto di tutto questo è volontario, scrive Ip, quindi alcuni danni economici sono inevitabili indipendentemente dal fatto che i governi impongano o meno le restrizioni.

È difficile districare gli effetti volontari da quelli ordinati dal governo.

Lo studio

Uno studio degli economisti Austan Goolsbee e Chad Syverson dell’University of Chicago, afferma che negli USA le restrizioni del governo rappresentano solo il 12% del calo della mobilità dei consumatori.

Un altro studio di un team guidato dagli economisti Kosali Simon dell’Indiana University e Bruce Weinberg dell’Ohio State, afferma che rappresentano il 60% della perdita di posti di lavoro.

Tuttavia, a causa della stretta connessione tra la pandemia e l’attività economica, molti epidemiologi ed economisti affermano che l’economia, mentre il virus è fuori controllo, non può riprendersi.

“Il virus determinerà quando potremo riaprire in sicurezza”, ha detto ad aprile Anthony Fauci, direttore dell’ National Institute of Allergy and Infectious Diseases.

A fine luglio, la Federal Reserve ha affermato che “il percorso dell’economia dipenderà in modo significativo dal corso del virus”.

Affermazioni, osserva Ip, che lasciano completamente aperto ciò che rappresenta un livello accettabile di contagio, che a sua volta determina quali restrizioni imporre.

Se l’unico livello accettabile di infezione fosse zero, i lockdown dovrebbero essere rigorosi e potenzialmente ripetuti, o almeno fino a quando non arriverà un vaccino o una cura efficace.

La maggior parte dei paesi ha rifiutato quel percorso.

Prima del Covid-19, i lockdown non facevano parte del pacchetto standard di strumenti per contenere l’epidemia, progettato principalmente pensando all’influenza.

Durante la pandemia della spagnola del 1918-1919, alcune città americane chiusero scuole, chiese e teatri, vietarono grandi raduni e funerali e limitarono gli orari dei negozi.

Ma nessuno ha imposto di rimanere in casa o chiuso tutte le attività non essenziali.

E nessuna misura analoga fu imposta durante la pandemia influenzale del 1957, la successiva più mortale; anche le scuole rimasero aperte.

Le linee guida attuali sulla pandemia in Canada hanno concluso che le restrizioni alla circolazione erano “impraticabili, se non impossibili”.

A gennaio, quando la Cina ha bloccato Wuhan e la provincia di Hubei e l’Italia a marzo ha imposto l’ordine di rimanere a casa, molti epidemiologi hanno ritenuto che fosse dannoso e potenzialmente inefficace.

Ma alla fine di marzo avevano cambiato idea. La vista degli ospedali italiani sopraffatti da pazienti in fin di vita ha scioccato gli altri paesi.  

Il Covid-19 era decisamente più mortale dell’influenza, in grado di diffondersi in modo asintomatico e non c’era vaccino o una cura efficace.

Taiwan, Corea del Sud e Hong Kong hanno fornito i primi esempi di come fermare il Covid-19 senza lockdown.

Memori dell’esperienza SARS nel 2003, della MERS e dall’influenza aviaria, hanno rapidamente bloccato i viaggi in Cina, introdotto test diffusi per isolare i contagiati e rintracciare i loro contatti.

La Svezia, scrive Ip, ha adottato un approccio diverso. Invece del lockdown, ha imposto solo leggere restrizioni così da contenere i casi ai livelli che gli ospedali potevano gestire.

La Svezia ha subito più morti pro capite della vicina Danimarca, ma meno della Gran Bretagna, e rispetto ai due paesi, ha pagato un prezzo economico inferiore, secondo JPMorgan Chase & Co.

L’attuale tasso di infezione e mortalità in Svezia è basso quanto il resto dell’Europa.

Ciò ha indotto a ipotizzare che stia mirando all’immunità di gregge.

A marzo, negli Stati Uniti era tardi per emulare la strategia di verifica e tracciabilità dell’Asia orientale.

Il presidente Trump ha continuato a minimizzare i test e ancora oggi gli Stati Uniti effettuano meno di 20 tamponi per ogni caso confermato, rispetto agli oltre 500 di Taiwan e Corea del Sud nel periodo di picco.

Anche la strategia svedese dell’immunità di gregge è stata esclusa. La Gran Bretagna l’ha abbandonata a metà marzo dopo che un team di esperti del London’s Imperial College aveva previsto che in assenza di distanziamento sociale, l’81% della popolazione sarebbe rimasta contagiata.

In Gran Bretagna sarebbero morte 510.000 persone e 2,2 milioni negli Stati Uniti.

Quelle stime potrebbero essere state eccessive. Alcuni esperti ritengono che sia necessario meno dell’81% della popolazione per raggiungere l’immunità di gregge.

Nondimeno, tali previsioni hanno aiutato a persuadere i leader in Gran Bretagna e negli Stati Uniti ad adottare il lockdown.

Eppure all’inizio i loro obiettivi non erano chiari, si è creata una confusione aggravata dai termini utilizzati.

I funzionari a volte hanno detto che il loro obiettivo era “piegare” o “appiattire la curva”, altre volte i loro obiettivi parlavano di “mitigazione” o “contenimento” o “soppressione”, spesso in modo intercambiabile.

“Ci sono stati pochi tentativi di definire veramente l’obiettivo, e in parte perché i responsabili politici e gli epidemiologi non hanno riflettuto abbastanza bene sulle parole per definire cosa intendessero o volessero”, ha detto il dottor Mina, l’epidemiologo di Harvard.

L’indice R

Un fattore determinante nella diffusione di un’epidemia è l'”indice R“: quante persone ogni persona infetta continua a contagiare.

Quando R è superiore a uno, le nuove infezioni continuano fino a quando una quantità sufficiente della popolazione è stata infettata o vaccinata e raggiungere l’immunità di gregge.

Quando R è inferiore a uno, le nuove infezioni alla fine scendono a zero, sebbene le infezioni importate possano innescare focolai.

Mina ha detto che la mitigazione generalmente mira all’indice R appena superiore a uno, mentre la soppressione a R inferiore a uno.

Alcuni paesi hanno ottenuto la soppressione tramite il lockdown.

La Cina ha spazzato via l’epidemia nella provincia di Hubei e ha soppresso i successivi focolai altrove, con la quarantena e la sorveglianza peraltro difficili da applicare nelle democrazie occidentali.

La Nuova Zelanda ha imposto uno dei lockdown più rigorosi per due mesi. Il paese, relativamente piccolo e geograficamente isolato, per 120 giorni non ha registrato casi positivi.

Ad agosto, tuttavia, un focolaio ha costretto a reimporre diffuse restrizioni.

Gli Stati Uniti non hanno avuto la tendenza autoritaria della Cina né la pazienza della Nuova Zelanda.

A marzo, alla domanda se i lockdown sarebbero durati mesi, il presidente Trump ha risposto: “Spero che scompaia prima”.

Alla fine di marzo, infatti, i suoi consulenti sanitari hanno suggerito che sarebbe stato sufficiente un mese in più di restrizioni.

A metà aprile, i consulenti sanitari hanno emesso delle linee guida sui tempi di riapertura, inclusi 14 giorni di quarantena e la capacità di testare e rintracciare chiunque abbia sintomi.

Lo stesso Fauci aveva detto che la priorità era la salute pubblica.

Ma nello stesso giorno Trump ha chiarito che la sua priorità era l’economia.

“Un lockdown prolungato combinato con una depressione economica forzata avrebbe inflitto una gravissima perdita alla salute pubblica”.

In seguito ha elogiato gli stati che avevano riaperto nonostante non rispettassero le linee guida e ha twittato “LIBERAZIONE” ai sostenitori che protestavano contro i lockdown.

Molti governatori repubblicani hanno dato la priorità all’economia ma alcuni democratici più impegnati nei lockdown hanno lottato per mantenere la rotta.

Il 19 marzo, quando la California è stato il primo a emettere un ordine “state a casa” il governatore democratico, Gavin Newsom, ha detto che l’obiettivo era “appiattire la curva”.

Il 7 maggio, ha segnalato un obiettivo insolitamente ambizioso: solo le contee con zero morti nelle ultime due settimane e non più di un caso ogni 10.000 residenti avrebbero potuto riaprire prima del previsto.

Criteri che il 95% dello stato non potrebbe soddisfare, secondo il Los Angeles Times.

Newsom ha detto che a revocare l’ordine di rimanere a casa sarebbero stati i dati e la scienza.

Ma ben presto si sono fatte sentire le pressioni economiche e sociali. I  leader della contea hanno spinto il governatore ad allentare le restrizioni.

Il 18 maggio ha abbassato il requisito di zero decessi e alzato il limite dei casi a 25 per 100.000.

Le contee hanno iniziato rapidamente a riaprire. Un mese dopo, i casi della California hanno ripreso a crescere, superando di gran lunga i massimi precedenti.

“Non direi che la nostra strategia sia mai veramente cambiata”, ha detto Mark Ghaly, direttore dell’Agenzia sanitaria della California.

“Avevamo bisogno di ridurre i contagi a un livello sufficientemente basso da poter consentire al sistema sanitario di gestire i pazienti”.

“A marzo, le persone non si sono rese conto dei vantaggi dell’uso della mascherina”, ha affermato il Ghaly.

“Le prove sono abbastanza convincenti”.

Rispetto ad aprile, “Sappiamo molto di più”.

Le mascherine, osserva Ip, possono rappresentare la misura più conveniente.

Sia l’Organizzazione mondiale della sanità che il Surgeon General degli Stati Uniti per mesi hanno sconsigliato il loro utilizzo.  

In Germania, a Jena all’inizio di aprile è stato ordinato ai residenti di indossare mascherine nei luoghi pubblici, nei trasporti pubblici e al lavoro.

Poco dopo, le infezioni si sono fermate. Confrontando con città simili, uno studio dell’IZA Institute of Labor Economics stima che le mascherine abbiano diminuito la crescita delle infezioni dal 40% al 60%.

Klaus Wälde, uno degli autori, ha affermato che l’uso di mascherine a livello nazionale aiuta l’economia tedesca a tornare alla normalità poiché mantengono bassi i contagi.

Mina ha indicato un test su strisce di carta, che chiunque può utilizzare, per rilevare il virus in un campione di saliva in pochi minuti.

È meno preciso ma molto più veloce ed economico dell’invio di campioni ai laboratori, ha osservato Mina.

Secondo l’esperto, se nei punti caldi, dal 50% al 60% della popolazione facesse un test di questo tipo a giorni alterni, la malattia potrebbe essere soppressa.

Alcuni epidemiologi ed economisti sostengono che l’intensificazione dei test potrebbe consentire all’economia di riaprire in sicurezza, anche senza un vaccino.

Il team di Mina e di Stock ha progettato un piano di riapertura “intelligente” basato sulla frequenza dei contatti e sulla vulnerabilità di cinque gruppi demografici e 66 settori economici.

Partendo dal presupposto che la maggior parte delle aziende riapra utilizzando le linee guida sulle distanze fisiche, igiene e lavoro da casa.

Riapertura delle scuole, mascherine obbligatorie. Chiusi invece gli impianti sportivi al coperto, bar e chiese.