Truffa Madoff: alcune società propongono rimborsi immediati ai truffati in cambio dei loro risarcimenti

Pubblicato il 4 Giugno 2010 15:03 | Ultimo aggiornamento: 4 Giugno 2010 15:30

Bernard Madoff

Non è certo quanto le vittime della truffa Madoff riusciranno a recuperare. Nel frattempo, però, molte società sono pronte a scommettere che i rimborsi varranno quanto l’attesa. Alcuni investitori stanno infatti avvicinando i truffati dall’ex finanziere e si offrono di acquistare quanto riceveranno in seguito in cambio di un assegno immediato. La notizia è riportata dal Wall Street Journal. Il quotidiano cita il caso di Asm Capital. Il gruppo ritiene che le vittime della truffa riceveranno più di quanto previsto e quindi offre immediatamente il 20 per cento di quanto richiesto dalle vittime stesse in cambio del rimborso completo quando verrà erogato. In alternativa offre ai truffati il 16 per cento della cifra richiesta, garantendo ai truffati di mantenere il 33 per cento di quanto recupereranno dalla truffa Madoff.

Queste offerte sono rivolte a tutti coloro le cui richieste di rimborso sono già state accettate da Irving Picard, il curatore della liquidazione delle società di Madoff. Per un investitore che ha richiesto 4 milioni di dollari, ad esempio, la ASM Capital si offre di staccare immediatamente un assegno da 800.000 dollari in cambio del rimborso completo. Nel presentare l’offerta gli investitori giocano sul fatto che le pratiche di rimborso potrebbero essere molto lunghe e sul fatto che le vittime possano o meno aver bisogno immediato di fondi. «Se tutto dovesse andare secondo i piani di Picard, gli investitori potrebbero riuscire a recuperare 50 cent ogni dollaro», analizza il Wall Street Journal. Ma non è ancora certo che la situazione si evolverà in questo senso. La metodologia usata da Picard per determinare quali vittime vanno rimborsate è infatti oggetto di critiche. Per il momento la giustizia americana gli ha dato ragione ma se dovesse perdere l’appello presentato dalle vittime respinte e, quindi, la platea di vittime dovesse ampliarsi, ogni truffato potrebbe ricevere non più di 15 cent per dollaro.