Manovra, Gualtieri: “Asili nido gratis per quasi tutte le famiglie da gennaio”

di Daniela Lauria
Pubblicato il 12 Novembre 2019 14:42 | Ultimo aggiornamento: 12 Novembre 2019 14:42
Manovra, Gualtieri: "Asili nido gratis per quasi tutte le famiglie da gennaio"

Il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri in audizione al Senato (Foto Ansa)

ROMA – Asili nido gratis per la gran parte delle famiglie italiane da gennaio. Lo assicura il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, in audizione al Senato sulla manovra, spiegando che “il rafforzamento del bonus” è “importante anche dal punto di vista del sostegno all’occupazione femminile”, poiché consentirà “la sostanziale gratuità degli asili nido per la grande maggioranza delle famiglie”.

Gualtieri inoltre annuncia che “si parlava della misura da settembre” ma scatterà “già dal primo gennaio”, ricordando che si prevede anche un aumento dei posti al nido “oggi insufficienti in particolare nel Mezzogiorno”. In tutto nel triennio, precisa, si stanziano 2,8 miliardi in più per la famiglia.

Bankitalia: “Bonus può condizionare partecipazione donne al lavoro”

Di diverso avviso è il vice direttore generale della Banca d’Italia, Luigi Federico Signorini, secondo il quale “gli effetti del bonus per gli asili nido sono potenzialmente rilevanti”, ma “la scelta di legarlo all’Isee potrebbe scoraggiare l’offerta di lavoro di un secondo percettore di reddito, specie in prossimità delle soglie che determinano l’ammontare dell’importo: tanto più in quanto le rette che le famiglie pagano per gli asili nido sono già modulate in funzione dell’Isee. L’esperienza potrà dare indicazioni utili per definire l’assetto a regime delle misure di sostegno alla famiglia”.

Nel documento di via Nazionale si sottolinea anche che attualmente “l’offerta di posti nelle strutture per la prima infanzia è inadeguata” e si ricorda che secondo i dati Istat il rapporto posti e utenza potenziale nel 2016-17 era “in media pari al 24%”, “assai al di sotto del target del 33% fissato dal Consiglio europeo per favorire la conciliazione della vita familiare con quella lavorativa”.

Fonte: Ansa