Auto aziendali, plastic tax, reddito di cittadinanza, Imu Chiesa: la manovra in Parlamento

di Redazione Blitz
Pubblicato il 18 Novembre 2019 13:03 | Ultimo aggiornamento: 18 Novembre 2019 13:03
Auto aziendali, plastic tax, reddito di cittadinanza, Imu Chiesa: la manovra in Parlamento

Manovra, pioggia di emendamenti nelle commissioni Bilancio (foto Ansa)

ROMA – “Sto lavorando con il ministro dell’Economia Gualtieri perché voglio ridurre ancora di più le tasse, come ad esempio quella sulle auto aziendali. Faccio un appello ai gruppi parlamentari di maggioranza a collaborare con il governo, perché tutti ci si impegni a raggiungere questo risultato”.

Così in un colloquio con “Il Corriere della Sera”, il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. Che nel giorno degli emendamenti in Commissione alla legge di Bilancio, si rivolge alle forze di maggioranza: “Completiamo l’opera e chiudiamo il cerchio, possiamo essere ancora più ambiziosi”. 

Nell’elenco degli elementi spiccano le proposte di modifica (in sostanza meno tasse) su plastic tax e auto aziendali. Ma trovano posto criteri meno stringenti sul reddito di cittadinanza come la riproposta dell’imposizione meno indulgente dell’Imu alla Chiesa cattolica.

Plastic tax, le proposte di modifica

Escludere dalla nuova plastic tax i prodotti monouso in plastica biodegradabile o quelli che contengono almeno il 25% o il 50% di plastica riciclata. Sono alcuni degli emendamenti M5S alla manovra, parte di un pacchetto di oltre 400 proposte di modifica che saranno depositate in commissione Bilancio al Senato.

Si chiede anche di esentare tutti i dispositivi sanitari monouso, non solo le siringhe e di ridurre al 5% l’imposizione sulla cancelleria di plastica (come le penne).

Vuoto a rendere non solo per il vetro ma anche per i contenitori di plastica per acqua e bibite, saponi, detersivi, shampoo, e pure per le lattine, è un’altra delle proposte per ridurre l’uso della plastica.

Iva ridotta sui pannolini

Applicare l’Iva ridotta sui pannolini lavabili. Lo prevede un emendamento alla manovra presentato da M5s, che stima di finanziare la misura con 50 milioni di euro per ciascun anno tra 2020 e 2022.

Bonus mille euro per i filtri per l’acqua

Tra gli emendamenti anche una detrazione fino a 1000 euro per chi installa a casa i filtri per l’acqua (e 5mila per chi li mette in bar e ristoranti), un ecobonus per alberghi e strutture ricettive ‘eco-sostenibili’ e un programma ‘Mangiaplastica’ con incentivi ai Comuni che installano ecocompattatori.

Reddito di cittadinanza solo sospeso con lavori brevi

Un incentivo ad accettare anche lavori di breve durata o con redditi “marginali” mentre si è all’interno del programma del Reddito di cittadinanza. E’ la motivazione che accompagna una richiesta di modifica alla manovra del Movimento 5 Stelle.

L’emendamento introduce la “sospensione” del beneficio, anziché la decadenza, in caso di variazioni del reddito dovute ad occupazione con lavoro subordinato, sospensione prevista per la durata del contratto. Se il lavoro si protrae oltre la fine dell’anno in cui è iniziato resta la decadenza.

La Chiesa cattolica paghi l’Imu

La Chiesa cattolica paghi l’Imu sui suoi immobili adibiti a bar, ristoranti, alberghi e anche sugli ospedali, chiede un altro emendamento alla manovra firmato dal 5S Elio Lannutti. Nella proposta di modifica si chiede anche che la Chiesa paghi gli arretrati tra il 2006 e il 2012.

Estendere bonus videosorveglianza anche al 2020

“Per le spese sostenute da persone fisiche non nell’esercizio di attività di lavoro autonomo o di impresa ai fini dell’installazione di sistemi di videosorveglianza digitale o allarme, nonché per quelle connesse ai contratti stipulati con istituti di vigilanza, dirette alla prevenzione di attività criminali, è riconosciuto un credito d’imposta ai fini dell’imposta sul reddito, nel limite massimo complessivo di 15 milioni di euro per l’anno 2020”, si legge nella proposta M5S di modifica. (fonti Ansa e Agi)