Manovra, plastic tax ridotta del 70%. Non si applica a riciclata e dispositivi medici

di Daniela Lauria
Pubblicato il 27 Novembre 2019 14:41 | Ultimo aggiornamento: 27 Novembre 2019 23:26
Manovra, plastic tax ridotta del 70%: non si applica a riciclata e dispositivi medici

Plastic Tax ridotta del 70%. Nella foto Ansa piatti di plastica

ROMA – Non sarà dimezzata, ma ridotta del 70% la plastic tax. Lo riporta l’agenzia Ansa, secondo la quale, come primo passo all’interno del piano per la plastica sostenibile, la tanto dibattuta tassa difesa dal capo politico M5s Luigi Di Maio e criticata dal leader di Italia Viva Matteo Renzi, sarà ridisegnata. Si parla di una riduzione del gettito a circa 330 milioni di euro nel 2020 (del 70%) e un rafforzamento della sua funzione di incentivo al riciclo, il riuso e l’innovazione. 

Saranno inoltre escluse dalla nuova imposta anche la plastica riciclata, come è già per quella biodegradabile e compostabile, e tutti i dispositivi medici e gli imballaggi di medicinali, incluse le siringhe.

Le modifiche alla manovra erano già state annunciate nei giorni scorsi dal premier Conte e dal ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, in audizione al Senato, che ha assicurato: “Inizialmente la plastic tax era prevista al primo gennaio, ho chiesto esplicitamente che fosse traslata di almeno di sei mesi e adesso la rimoduliamo per allungarla nel tempo e limitarne l’introduzione nel primo periodo ad alcuni specifici prodotti che sono fortemente impattanti sull’ambiente e che riguardano per esempio le plastiche non riciclabili”.

“Abbiamo cominciato a lavorare al Piano nazionale plastica sostenibile – ha poi annunciato via Twitter il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri – Ieri al Mef la prima riunione con il Mise, il ministero dell’Ambiente, tutta la filiera, i sindacati ed enti territoriali per ridurre il consumo di plastica monouso e promuovere il riciclo”. 

Fonte: Ansa