Manovra, la plastic tax cambia ancora: esclusi prodotti monouso in tetrapak

di redazione Blitz
Pubblicato il 10 Dicembre 2019 11:54 | Ultimo aggiornamento: 10 Dicembre 2019 11:54
Manovra, plastic tax cambia ancora: esclusi prodotti monouso in tetrapak

Il premier, Giuseppe Conte, e il ministro dell’Economia, Roberto Gaultieri (Ansa)

ROMA – Nuova marcia indietro sulla plastic tax. Non solo la tassa da 50 centesimi di euro al chilo (e non più da un euro) slitta a prossimo luglio 2020, ma da essa saranno esclusi i prodotti monouso in tetrapack. Lo prevede il subemendamento che recepisce l’intesa di maggioranza sulla manovra. Con le ultime novità l’incasso previsto si riduce ancora a circa 150 milioni nel 2020 (da 1,1 miliardi).  

Dalla plastic tax saranno esclusi anche tutte i contenitori di medicinali e i dispositivi medici, la plastica compostabile e quella riciclata.

Tra le altre novità dell’ultim’ora in manovra, una nuova stretta sui giochi per 308 milioni. Dal primo marzo sale al 20% il prelievo sulle vincite oltre i 500, comprese le lotterie istantanee come i Gratta e Vinci. Nel caso delle new slot, le Vlt, il prelievo sale al 20% sopra i 200 euro, e la novità parte dal 15 gennaio. Rivisti anche il Preu e il payout per le varie slot, cioè la percentuale di somme giocate destinate alle vincite.

Per quanto riguarda poi i fondi per gli investimenti green, potranno andare anche alla riduzione della plastica e a sostenere imprenditoria giovanile e femminile. Il bonus facciate viene esteso anche agli alberghi.

Arriveranno, invece, risorse aggiuntive per i Vigili del fuoco, un pacchetto di misure per gli enti locali con più spazio per gli investimenti e per i servizi. Sale la dotazione del fondo per la non autosufficienza, fino a 300 milioni l’anno dal 2022. Al 5 per mille, come annunciato, vengono destinati 10 milioni in più. Mentre altri 100 milioni aggiuntivi vengono appostati per il rinnovo dei contratti della pubblica amministrazione.(Fonte: Ansa)