Manovra, tutte le misure approvate dal cdm: benzina salva, niente acconti Irap

di Redazione Blitz
Pubblicato il 9 Ottobre 2013 21:50 | Ultimo aggiornamento: 9 Ottobre 2013 21:51

Manovra, tutte le misure approvate dal cdm: benzina salva, niente acconti Irap ROMA – Arriva la manovrina per riportare il deficit sotto il 3%. Niente aumento della benzina e degli acconti Ires-Irap. Le coperture arrivano con la vendita di immobili del demanio per 500 milioni, da tagli ai ministeri per 550 milioni e di una rimodulazione dello stesso importo del patto di stabilità interno dei comuni: l’impatto totale è di 1,6 miliardi. Arrivano fondi anche per gli indennizzi della Tav e risorse per fronteggiare l’emergenza provocata dagli sbarchi di immigrati. Saltano invece le risorse per la Cig.

Ecco le misure approvate dal Cdm:

– MANOVRA DA 1,6 MILIARDI: E’ l’intervento previsto dal decreto che consente così di ridurre il deficit, che viaggiava al 3,1%, sotto la soglia del 3% richiesta dagli accordi europei.

– 500 MLN DISMISSIONI: Una parte della copertura della manovrina arriva dalla vendita di immobili da parte del Demanio. Ma i beni non vengono dati direttamente alla nuova Sgr che il Tesoro stava avviando bensì vengono acquistati dalla Cdp.

– SALTA AUMENTO BENZINA: Non ci sarà l’aumento delle accise previsto inizialmente nelle bozze del decreto inviate in pre-Consiglio. Doveva essere di 6,5 centesimi al litro e scattare subito.

– CIG E SOCIAL CARD: Nella versione definitiva del decreto non ci sono più i 330 milioni di euro per il rifinanziamento della cig in deroga per il 2013 e nemmeno i 35 milioni di euro per il rifinanziamento della carta acquisti, la cosiddetta social card. Si è deciso di rinviare il tema ad un decreto collegato con la Legge di Stabilità.

– AUMENTO ACCONTI: Non ci sono più gli aumenti degli acconti Ires e Irap paventati nella bozza circolata in mattinata.

– FONDI IMMIGRAZIONE: Per fronteggiare ”l’eccezionale afflusso di stranieri sul territorio nazionale” è istituito un apposito Fondo con la dotazione finanziaria di 190 milioni per il 2013. Il fondo per l’accoglienza di minori stranieri non accompagnati è incrementato di 20 mln. E’ questo un capitolo che e’ stato mantenuto nel decreto.

– TAGLI A MINISTERI: Per consentire il rientro dallo scostamento del deficit sono previsti anche tagli ai ministeri: ”le disponibilità di competenza e di cassa relative alle spese rimodulabili del bilancio dello Stato sono accantonate e rese indisponibili per ciascun Ministero”. La sforbiciata vale 550 milioni.

– PRIVATIZZAZIONI ‘STABILI’: Il Comitato di Consulenza Globale e di Garanzia per le Privatizzazioni diventa permanente al fine di ”assicurare un costante supporto al Ministero dell’economia e delle finanze nella predisposizione e nella attuazione di programmi di dismissione di partecipazioni dello Stato”.

– PER COMUNI 120 MLN IN PIU’: Arrivano 120 milioni in più sul fondo di solidarietà comunale 2013 per assicurare la spettanza ai Comuni del gettito Imu. Si prevede che le risorse attribuite a ciascun comune non rilevino ai fini del patto di stabilità interno.

– DERIVATI: Alleggerire l’esposizione creditizia delle banche nelle operazioni in strumenti derivati per favorire un collocamento più agevole ed economico dei Titoli di Stato. Si prevede la prestazione di garanzie bilaterali per gestire i rischi conseguenti alle operazioni in derivati.

– INDENNIZZI TAV: Arriva un indennizzo per le imprese ”che abbiano subito danneggiamento di materiali, attrezzature e beni in conseguenza di delitti commessi al fine di impedire, turbare o rallentare la realizzazione di opere” come la Tav.

– VIDEOPOKER: Nuova modalità di definizione agevolata della controversia per i videopoker.