Marea nera, la Bp tratta con Apache per la vendita dell’asset

Pubblicato il 12 luglio 2010 13:12 | Ultimo aggiornamento: 12 luglio 2010 13:22

British Petroleum è in trattative per vendere alcuni dei propri asset alla concorrente americana Apache Corporation, nel tentativo di far fronte alla spese per contenere la fuoriuscita di greggio da una propria piattaforma. Lo riferisce Bloomberg citando persone vicine al dossier.

Apache, il maggior gruppo petrolifero statunitense per valore di mercato, sta negoziando per l’acquisto di asset che comprendono anche una quota nelle attività di Bp in Alaska – riferisce una delle fonti – per un prezzo di meno di 12 miliardi di dollari.

Il gruppo petrolifero britannico, che il mese scorso ha annunciato di voler vendere alcuni asset per racimolare 10 miliardi di dollari necessari a sostenere i costi legati alla marea nera, ha reso noto oggi che per contenere la fuoriuscita di greggio ha speso fino ad oggi circa 5,3 miliardi di dollari.