Bp vuole vendere attività da 12 miliardi di dollari per far fronte al disastro del Golfo del Messico

Pubblicato il 11 luglio 2010 16:43 | Ultimo aggiornamento: 11 luglio 2010 16:45

Il gruppo petrolifero britannico Bp sta negoziando con la concorrente americana Apache Corporation la vendita di sue attività nel continente americano per un valore di 12 miliardi di dollari (9,5 miliardi di euro circa), fra cui i suoi pozzi a Prudhoe Bay, in Alaska, il più grande campo petrolifero del Nord America, con una produzione di 390mila barili di greggio al giorno.

Lo scrive il Sunday Times, che mette la notizia in relazione con la necessità della Bp di crearsi un fondo di 20 miliardi di dollari (15,8 miliardi di euro) per fare fronte alle colossali spese di contenimento, ripulitura e risarcimenti della marea nera nel Golfo del Messico. La Apache Corp. è valutata in borsa 29 miliardi di dollari e ha già concluso degli acquisto da Bp in passato. Secondo il domenicale britannico, Bp ha inoltre intenzione di vendere il 60% del capitale dell’argentina Pan American Energy che detiene, per un controvalore di circa 9 miliardi di dollari (7,1 miliardi di dollari), che – secondo il Sunday Times, fanno gola alla compagnia cinese Cnooc e all’argentina Bridas.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other