Draghi: “L’euro è irreversibile, nessun rischio di esplosione”

Pubblicato il 21 luglio 2012 13:17 | Ultimo aggiornamento: 21 luglio 2012 13:17

Mario Draghi (Lapresse)

ROMA – Fiducia nella moneta unica europea da parte del presidente della Banca centrale europea (Bce), Mario Draghi. In un’intervista al quotidiano francese Le Monde, Draghi ha detto che l’euro “è irreversibile, non c’è un rischio di esplosione dell’unione monetaria”. Per Draghi, l’area dell’euro non è minacciata dalla recessione e la Bce è pronta ad agire “senza tabù se necessario”.

“Abbiamo deciso di ridurre il tasso d’interesse a meno dell’1% – continua Draghi – perchè prevedevamo che l’inflazione sarebbe stata vicina o inferiore al 2% all’inizio del 2013”. Una scelta che, secondo il numero uno della Bce, “dovrebbe produrre i suoi effetti, così come le operazioni di prestiti a tre anni alle banche, condotte per far fronte a un rischio di riduzione del credito”.

Il presidente della Bce dice poi di avere accolto favorevolmente il successo del Consiglio europeo del 28 e 29 giugno. “Per la prima volta, è stato lanciato un messaggio chiaro”, afferma Draghi, per uscire dalla crisi serve “più Europa”.