Mario Draghi: “Stati possono essere insolventi, la Bce non interverrà”

Pubblicato il 10 Giugno 2013 19:27 | Ultimo aggiornamento: 10 Giugno 2013 19:28

Mario Draghi: "Stati possono essere insolventi, la Bce non interverrà"ROMA – “L’intervento della Bce ha i suoi limiti, non agiremo per assicurare la capacità di pagamento di un Paese“. Queste le parole del presidente della Banca centrale europea Mario Draghi alla tv tedesca Zdf. “Gli Stati – ha aggiunto Draghi – possono anche essere insolventi”. Anzi, per il numero uno dell’Eurotower “gli Stati sovra-indebitati devono fare riforme seriamente, come le ha fatte la Germania nel 2003″.

“Il rischio dei contribuenti tedeschi è oggi chiaramente diminuito rispetto a un anno fa. Nell’eurozona non si ricorrerà a un tasso di inflazione più alto come via di uscita dalla crisi. Questo lo garantisco”, ha detto ancora Draghi.

Per convincere i tedeschi che non vi sarà inflazione nell’Eurozona, Mario Draghi ha raccontato come negli anni ’70 abbia subito una ”dolorosa” esperienza familiare, proprio a causa dell’inflazione. ”Una gran parte dei risparmi della mia famiglia, e noi eravamo tre figli, furono annientati dall’inflazione degli anni ’60 e ’70 in Italia”, ha spiegato.