Renzi, l’altra fiducia: i mercati. Primo test aste titoli di Stato per 20 mld

di Redazione Blitz
Pubblicato il 24 febbraio 2014 10:45 | Ultimo aggiornamento: 27 febbraio 2014 20:45
Renzi, l'altra fiducia: i mercati. Primo test aste titoli di Stati per 20 mld

Renzi, l’altra fiducia: i mercati. Primo test aste titoli di Stati per 20 mld

ROMA – Renzi, l’altra fiducia: i mercati. Primo test aste titoli di Stati per 20 mld. Oggi al  Senato è previsto il primo passaggio parlamentare perché il Governo Renzi ottenga la fiducia. Ma c’è un altra fiducia che il giovane presidente del Consiglio si deve guadagnare: quella dei mercati, per nulla scontata nonostante le iniziali aspettative siano molto alte e il clima sia favorevole e la tendenza ottimista anche per l’Europa periferica, Italia compresa. E il primo test è vicinissimo: a fine mese gli investitori saranno chiamati a sottoscrivere l’acquisto una nuova offerta da complessivi 20 miliardi nelle aste sui titoli di Stato italiani.

Portare subito a casa la riforma elettorale sgonfia la portata destabilizzante di elezioni-lampo, un’ipotesi che pesa e frena ancora le scelte d’investimento rivolte verso l’Italia. Quel “2018” che Renzi non dimentica mai di rilanciare, sui mercati non ha fatto presa. E senza passi avanti su riforme e crescita, la volatilità non tarderà a farsi vedere e lo spread prima o poi tornerà a salire. (Isabella Bufacchi, Il Sole 24 Ore)

Lo schock del cambio di Governo è stato salutato con benevolenza a dispetto dei rischi legati all’instabilità politica: la coppia Renzi-Padoan (un centravanti di sfondamento e un difensore roccioso) sulla carta ha convinto gli investitori che dopo tanti tentativi abortiti andranno finalmente in porto le riforme strutturali attese insieme alle misure per la crescita senza sforare il 3% nel rapporto deficit/Pil, condizione essenziale per un Paese con crescita a 0,1% e debito pubblico a quota 130% del Pil. Economista conosciuto e apprezzato per il suo curriculum nel Fmi e all’Ocse, il ministro dell’Economia Padoan offre le giuste garanzie non solo sul rigore finanziario ma anche sul versante della crescita visto che è considerato più “politico” del suo predecessore e quindi meno trattenuto in materia di politiche per la crescita.

Matteo Renzi (“demolition man” per il Financial Times) ha ricevuto una importante apertura di credito perché sulle Riforme procede a passo spedito, in particolare su quella del sistema elettorale, giudicata non rinviabile per mettere un freno alla “volatilità” politica delle maggioranze al governo. Ma sul resto delle Riforme è “condannato” a farle.

Portare subito a casa la riforma elettorale sgonfia la portata destabilizzante di elezioni-lampo, un’ipotesi che pesa e frena ancora le scelte d’investimento rivolte verso l’Italia. Quel “2018” che Renzi non dimentica mai di rilanciare, sui mercati non ha fatto presa. E senza passi avanti su riforme e crescita, la volatilità non tarderà a farsi vedere e lo spread prima o poi tornerà a salire. (Isabella Bufacchi, Il Sole 24 Ore)

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other