Mediaset, semestrale nera: e il titolo crolla in Borsa

Pubblicato il 1 agosto 2012 15:06 | Ultimo aggiornamento: 1 agosto 2012 15:06

MILANO – Mediaset crolla: i dati sui conti del primo semestre evidenziano utili in calo del 73%, con i ricavi sotto la quota dei due miliardi. Il titolo è crollato in Borsa, arrivando a perdere l’11%.

Dopo questi risultati gli analisti non prevedono l’uscita dal tunnel prima di settembre. Ancora non si sa se quest’anno ci sarà spazio per la distribuzione del dividendo.

Per l’intero 2012 gli utili saranno comunque inferiori al 2011 e quello che pesa per gli uomini del Biscione, abituati a fare molto meglio del mercato, è il forte calo della raccolta pubblicitaria: -11% nei primi sei mesi, con luglio e agosto che sono previsti in ribasso ”attorno al 20%”.

Sul piano di taglio dei costi (quelli operativi sono in calo di oltre il 7%), Mediaset non conferma né smentisce un più stretto ‘giro di vite’ che porterebbe da 250 a 400 milioni di euro il totale dei risparmi del piano triennale.

Nell’approvare i conti, il Cda di Mediaset ha approvato il progetto di fusione per incorporazione di Mediaset Investimenti nella stessa Mediaset che accorcia la catena di controllo e riduce ulteriormente i costi di gestione. Quello che comunque sembra tenere è Mediaset Premium (sulla quale sono confermate proposte di alleanza da parte di operatori internazionali, forse i tedeschi di Rtl e Al Jazeera), i cui ricavi per vendita di carte, ricariche e abbonamenti si sono attestati a 260 milioni contro i 263 precedenti.

L’indebitamento finanziario netto di gruppo scende da 1,775 miliardi di fine 2011 a quota 1,696 e questo sembra un obiettivo chiaro del gruppo.