Mediobanca sbarca in Tunisia: nuovi soci libici e altri arabi

Pubblicato il 25 Novembre 2010 10:27 | Ultimo aggiornamento: 25 Novembre 2010 11:02

Alleanza araba per Mediobanca, che sbarca in Tunisia con un nutrito gruppo di soci nordafricani e del Golfo per avviare un nuovo istituto, attivo nel settore di banca di investimento, nel private banking e nella gestione del risparmio. Lo confermano fonti finanziarie dopo le anticipazioni del Sole 24 Ore.

Il progetto, illustrato l’altro giorno al Cda di Piazzetta Cuccia dall’amministratore delegato Alberto Nagel, prevede per Mediobanca, il cui investimento viene definito molto contenuto in termini economici, una quota del 30% del capitale.

Sempre un 30% è destinato, nei piani, all’imprenditore tunisino Slim Zarrouk, un 10% al banchiere Moncef Kaouach (ex SocGen) mentre quote del 5% verranno sottoscritte da Bia (controllata per metà dalla Banque Exterieure d’Algerie e per l’altra metà dalla libica Lia), dal braccio di Tripoli, Lafico, e da fondi del Golfo (si parla di Dubai).

[gmap]