Mediobanca, utile decuplicato negli ultimi nove mesi grazie alle dismissioni

di Redazione Blitz
Pubblicato il 8 Maggio 2014 19:45 | Ultimo aggiornamento: 8 Maggio 2014 19:45
Mediobanca, utile decuplicato negli ultimi nove mesi grazie alle dismissioni

La sede di Mediobanca (Foto Lapresse)

MILANO – Mediobanca decuplica l’utile nell’ultimo esercizio: il risultato netto si attesta a 395,3 milioni di euro, dieci volte i 37 milioni dello stesso periodo del passato esercizio. Merito della cessione di azioni, come previsto dal piano industriale, e del margine di interesse (+6%) che cresce nel retail più che compensando il calo nel corporate.

Nei primi nove mesi dell’esercizio 2013-2014 Mediobanca ha smobilizzato azioni per circa 800 milioni con utili per 221 milioni (69 milioni nel solo ultimo trimestre). La banca ha quindi già realizzato la metà delle cessioni previste nel piano annunciato lo scorso giugno.

Le dismissioni, che rappresentano il 50% di quanto previsto dal piano triennale, hanno riguardato l’azzeramento delle quote in Gemina (206 milioni ceduti con utili per 70 milioni), Saks (55 milioni ceduti con utili per 29 milioni) e Intesa Sanpaolo (60 milioni con utili per 3 milioni), nonché la riduzione dei ‘cashes’ Unicredit (da 148 a 40 milioni  con utili per 31 milioni) e di Rcs MediaGroup (24 milioni con utili per 7 milioni).

Tra le azioni non quotate viene poi segnalato lo smobilizzo del prestito soci Telco, concambiato con azioni Telefonica poi cedute sul mercato: nel complesso la partecipazione in Telco si è ridotta dall’11,62% al 7,34% con utili per 67 milioni.

Il gruppo sta lavorando ad operazioni di aumenti di capitale e a emissioni di obbligazioni per conto di banche e imprese per un valore di 28 miliardi, che verranno contabilizzate, con effetto positivo sulle commissioni incassate da Piazzetta Cuccia, nei prossimi due trimestri.