Milano, i russi si comprano tutto. Case di lusso in vendita… In cirillico

Pubblicato il 28 settembre 2012 17:38 | Ultimo aggiornamento: 28 settembre 2012 18:16

MILANO – Il mercato delle case in Italia crolla. Ma non per gli stranieri. E soprattutto non per i russi. La crisi non è arrivata oltre cortina. Così per le strade di Milano si incontrano annunci immobiliari in cirillico.

Per vedere l’annuncio clicca qui.

Ai cittadini di Vladimir Putin non bastano più le borse gli abiti, i gioielli italiani. Ora vogliono case, belle, centrali, grandi. Non sono solo i più ricchi, i cosiddetti magnati che fanno shopping a base di squadre di calcio, ma pure quelli del ceto medio-alto.

I dati sul mercato immobiliare hanno segnato nel secondo trimestre del 2012 un crollo del 25%, accelerando la flessione (-19) già registrata nei primi tre mesi dell’anno. Milano, poi, è una delle città in cui le compravendite hanno subito uno dei tracolli, maggiori, con una riduzione del mercato del 26%.

Nonostante questo i prezzi non calano. Evidentemente, quindi, qualcuno che compra c’è: gli stranieri. Secondo i dati riportati dal Sole 24 Ore negli ultimi otto anni il numero di acquirenti non italiani è aumentato del 53% e gli investimenti del 290 per cento.

E se gli italiani arrancano per ottenere un mutuo, e spesso si accontentano di un affitto, dal 2005 al 2011 circa 26.900 famiglie straniere hanno comprato un immobile in Italia, per una spesa di 9.430 milioni, e che solo quest’anno dovrebbe raggiungere il record di 4.600 transazioni, con una stima di spesa di 2.100 milioni.

Tra gli stranieri sono in aumento esponenziale i russi: nel 2005, dice sempre il Sole 24 Ore, erano il 2% degli acquirenti, nel primo semestre del 2012 sono diventati il 13%,guadagnandosi il terzo posto, dopo tedeschi e inglesi.

A differenza degli italiani, i russi non cercano mono o bilocali, ma appartamenti di lusso, attici, ville e casali, in campagna, al mare, o nelle città d’arte.