Meridiana nel mirino di QatarAirways

di Redazione Blitz
Pubblicato il 29 Maggio 2015 0:33 | Ultimo aggiornamento: 29 Maggio 2015 0:33
Meridiana nel mirino di QatarAirways

Meridiana nel mirino di QatarAirways

ROMA, 28 MAG – Un’altra compagnia italiana nel mirino di un vettore del Golfo: Qatar Airways sta valutando possibili sinergie con Meridiana. Ad aprire ad un possibile ingresso nell’aviolinea sarda è stato il ceo di Qatar Airways, Akbar Al Baker: “Abbiamo studiato Meridiana con attenzione, siamo in fase di due diligence. Se riterremo che ci siano sinergie saremo più che contenti di aiutare Meridiana, anche per creare posti di lavoro in Italia”.

Al Baker non ha fornito ulteriori dettagli, ma ha citato il caso di Iag, la holding di British e Iberia, in cui Qatar Airways è entrata a gennaio acquisendo una partecipazione del 9,99%: “per noi – ha detto fornendo un’indicazione su quali potrebbero essere i criteri della scelta – era una compagnia ben gestita, robusta e poteva apportare sinergie”. Nell’attesa di una decisione su Meridiana, la compagnia del Golfo continua a puntare sulla qualità, senza temere i concorrenti. A partire dalla nuova partnership tra Alitalia e la ‘cugina’ di Abu Dhabi Etihad. “La concorrenza non ci spaventa. E’ la concorrenza che ci ha reso quello che siamo, uno dei sei carrier al mondo a cinque stelle. Siamo dei leader”, ha detto Al Baker, che augura ad entrambi i vettori “di avere opportunità di business. Ma Qatar Airways – avverte – non si ritira dal suo impegno per il mercato italiano e per i passeggeri italiani”.

Nessun timore nemmeno per l’attacco sferrato dai tre big Usa (Delta, United e American Airlines) nei confronti delle compagnie del Golfo, accusate di ricevere aiuti di Stato: “Non è vero che li danneggiamo, il 46% degli utili Iata viene da loro. Portano avanti un attacco per conto dei loro partner europei”, replica Al Baker, che attacca: “Non sono abituati alla concorrenza e quando è a loro svantaggio cercano di limitarla. Ma noi non scompariremo – assicura -, anzi cresceremo ancora di più”.