Mps, aumento di capitale da 2,5 miliardi: titolo giù in Borsa

di Redazione Blitz
Pubblicato il 9 settembre 2013 10:12 | Ultimo aggiornamento: 9 settembre 2013 10:12
Mps, aumento di capitale da 2,5 miliardi: titolo giù in Borsa

La sede di Monte dei Paschi di Siena (Foto Lapresse)

SIENA – Banca Monte dei Paschi di Siena, il Consiglio di Amministrazione deciderà le linee guida del piano di ristrutturazione che prevede l’aumento di capitale da 2,5 miliardi l’11 settembre. L’approvazione del piano dovrebbe avvenire “nel corso della riunione del Cda prevista per il 24 settembre”, fa sapere una nota dei Mps. E il titolo lunedì mattina, 9 settembre, è crollato in Borsa: in apertura di seduta ha segnato -4,6%, per poi recuperare in parte. Colpa dell’annuncio di un aumento di capitale da 2,5 miliardi di euro (500 milioni più del previsto) necessario per rimborsare la gran parte dei Monti bond, aiuti di Stato ricevuti dall’istituto per oltre 4 miliardi di euro.

Nella nota Mps conferma che sta per essere delineato il piano di ristrutturazione secondo le linee guida concordate con la Commissione Europea. Dopo l’approvazione da parte del Cda il piano verrà trasmesso al ministero dell’Economia e poi alla Commissione Europea.

L’aumento di capitale da 2,5 miliardi è stato deciso dall’Antitrust europeo e dal ministero dell’Economia, nelle persone di Joaquin Almunia (Commissario europeo alla concorrenza) e Fabrizio Saccomanni (ministro dell’Economia): è il conto che Mps deve pagare per il salvataggio dopo l’affaire Nomura-Santander.

Almunia e Saccomanni hanno confermato che Mps ha due mesi per dare il via libera al piano di salvataggio e tutto il 2014 come finestra per varare l’aumento di capitale. Nel caso in cui il presidente Alessandro Profumo e l’amministratore delegato Fabrizio Viola dovesse fallire nella ricerca di uno o più compratori della banca Mps sarà nazionalizzata.