Eni, Enel, Exor: le uniche multinazionali italiane che ancora resistono

Pubblicato il 13 luglio 2012 14:04 | Ultimo aggiornamento: 13 luglio 2012 14:04

eniROMA – Ci sono solo tre multinazionali italiane che riescono a competere a livello mondiale: sono Eni, Enel ed Exor. Lo stabilisce l’indagine annuale R&S di Mediobanca che ha analizzato i bilanci dei 376 “giganti” dell’industria mondiale.

Stando ai dati diffusi da Mediobanca, è Eni la multinazionale italiana con il fatturato più alto: nel 2011 il colosso dell’energia ha fatturato 109,6 miliardi di euro. Con questo risultato Eni si colloca al dodicesimo posto della graduatoria a livello mondiale e al sesto europeo.

A seguire ci sono Exor (del gruppo Fiat), ottava in Europa, che ha fatturato 84,4 miliardi, e poi Enel (fatturato di 77,6 miliardi): in classifica generale ci sono, molto più distanziati, Telecom (29,3 miliardi di fatturato nel 2011) e Finmeccanica (17,3 miliardi).

Per quanto riguarda poi le classifiche di settore, Enel è quarta nel settore delle utilities: il gruppo energetico è dietro solo a Edf, Gdf Suez e E.On.

Eni è invece al nono posto nella “top ten” delle multinazionali energetiche: guida la classifica Royal Dutch Shell, seguita da Gazprom ed ExxonMobil.

Per quanto riguarda le telecomunicazioni, invece, Telecom Italia è soltanto dodicesima (con un fatturato di 38,3 miliardi).

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other