Mutui. Vuoi comprare casa? Scegli marzo. Nel 2013 spread più bassi

Pubblicato il 14 Dicembre 2012 14:15 | Ultimo aggiornamento: 14 Dicembre 2012 14:16
mutuo casa marzo spread

Vuoi comprare casa? Accendi un mutuo a marzo

ROMA –  Mutui casa. Chi ha deciso di acquistare una prima casa e accenderne uno, aspetti la primavera prossima. Marzo è il mese giusto. La raccomandazione del Sole 24 Ore ha un fondamento empirico e la regola vale anche oggi che la frenata dei mutui sta trascinando verso il fondo la compravendita di immobili in Italia. E’ il segno più rivelatore di una crisi nera: secondo gli ultimi dati Istat, nel secondo trimestre 2012, sono stati erogati 69.830 i mutui garantiti da ipoteca immobiliare, il 41,2% in meno rispetto ai 118.834 dello stesso periodo del 2011.

E’ importante sapere che pure la scelta familiare di accendere un mutuo deve tener conto della situazione economica generale. La quale dipende, in questa congiuntura, dall’esito delle elezioni politiche di febbraio: maggioranza stabile e certa significano spread più bassi e quindi offerte di interessi sulle rate meno onerosi. Attualmente gli spread applicati dalle banche oscillano intorno al 3% di maggiorazione, ma se prosegue l’opera di risanamento e cresce la fiducia internazionale continueranno a scendere (chi ha già stipulato un mutuo a tasso variabile risparmierà non poco sulle rate).

Perché marzo? Statisticamente è il periodo più propizio dell’anno. “Tendenzialmente gli istituti di credito decidono da metà gennaio la strategia di offerta mutui per poi partire con le prime offerte più aggressive da fine febbraio, inizio marzo – risponde Stefano Rossini, ad di Mutuisupermarket.it.  -. Questo significa che marzo, aprile e maggio sono mesi caldi per la raccolta, mentre luglio e dicembre sono tendenzialmente i mesi in cui si fanno più erogazioni, portando a compimento il lavoro di raccolta e considerando che in media tra la richiesta di un mutuo e la stipula effettiva in media trascorrono 90 giorni”.