Negozi chiusi: il Governo pensa a incentivi ai proprietari per abbassare gli affitti

di Redazione Blitz
Pubblicato il 2 Aprile 2020 13:15 | Ultimo aggiornamento: 2 Aprile 2020 13:17
Negozi chiusi: il Governo pensa a incentivi ai proprietari per abbassare gli affitti

Negozi chiusi per coronavirus in tutta Italia (Ansa)

ROMA – Per calmierare il mercato degli affitti, per ridurre cioè i canoni d’affitto ai locatari dei negozi, il Governo pensa al modello francese. Vale a dire un programma di incentivi statali ai proprietari per indurli ad abbassare le pretese economiche sui contratti in essere su negozi necessariamente chiusi per le restrizioni dovute alla doppia emergenza sanitaria e sociale.

“Si potrebbe incentivare il proprietario delle mura ad alleggerire l’affitto a fronte di un incentivo” sul modello francese, ha dichiarato il viceministro all’Economia Laura Castelli a Omnibus su La7 sulla possibilità di intervenire sugli affitti per gli esercizi commerciali con il decreto di aprile dopo il primo credito d’imposta per botteghe e negozi introdotto con il decreto Cura Italia.

“Abbiamo notato che la Francia ha fatto un pezzettino di più nel rispetto di un rapporto privato” come quello di locazione, “ci si deve confrontare con altri esempi per trovare la cura giusta”.

Quanto all’aiuto diretto ai Comuni, il viceministro Castelli segnala l’introduzione di un fondo ad hoc. “Stiamo osservando gli effetti dei mancati introiti per i Comuni attraverso il sistema Siope, nell’impianto del decreto di aprile ci sarà un intero capitolo sugli enti locali e un fondo” ad hoc.

“C’è il consiglio di amministrazione di Cdp che farà un’importante scelta sui mutui per aiutare i comuni, quello che i sindaci si aspettavano”, ha concluso Castelli. (fonte Ansa)