Ocse. In Italia disoccupazione a due cifre e nessuna inversione di tendenza

Pubblicato il 21 febbraio 2014 9:54 | Ultimo aggiornamento: 21 febbraio 2014 9:54

ocseRAPPORTO OCSE.  Il tasso di disoccupazione in Italia è ormai “a doppia cifra”, e per ora non ci sono segni di “inversione” imminente della tendenza all’aumento. Lo scrive l’Ocse nel suo annuale rapporto ‘Going for growth’.

“Diversi anni di consolidamento fiscale – scrive l’organizzazione – aggiustamenti nei bilanci del settore privato, bassa fiducia e disponibilità di credito ridotta hanno lasciato l’Italia con un tasso di disoccupazione a due cifre e nessun segno di un’inversione rapida e autosufficiente”.

A preoccupare l’Ocse è in particolare la disoccupazione di lunga durata (un anno o più), che con la crisi è inesorabilmente aumentata: nel 2011 riguardava già oltre la metà dei senza lavoro italiani, il 51,9%, e nel 2012 ha toccato quota 53%.