Oro ai massimi dal 2011, giù il dollaro. Europa positiva: più fiducia nella ripresa che in Usa

di Redazione Blitz
Pubblicato il 27 Luglio 2020 9:50 | Ultimo aggiornamento: 27 Luglio 2020 9:52
Oro ai massimi dal 2011

Oro corre, dollaro rallenta: tassi Usa negativi e tensioni con la Cina (Ansa)

Future positivi sull’Europa grazie alla fiducia in una ripresa migliore di quella Usa. Il lingotto ha raggiunto 1.944 dollari l’oncia.

Quotazione oro dunque sopra il livello del 2011, favorito dallo status di bene-rifugio e dal calo del dollaro. 

Dollaro giù: tassi negativi e tensioni Usa-Cina

I timori sull’economia mondiale, tra le tensioni Usa-Cina e le conseguenze della pandemia del Covid-19, spingono l’oro, uno dei beni rifugio per eccellenza ai massimi storici.

A fronte del dollaro sceso al livello più basso da oltre un anno a questa parte tra tassi reali Usa negativi e le attese di una politica monetaria accomodante da parte della Fed.

Il cui board si riunisce in settimana.

In forte rialzo anche l’argento che sale del 7% a 24,39 dollari l’oncia, segnando i massimi da settembre del 2013.

Analisti: oro verso i 2mila dollari l’oncia

Apertura in rialzo per l’euro, che raggiunge i massimi dal gennaio del 2018 a 1,161 dollari. In rialzo anche lo yen, scambiato a 106,36 sul biglietto verde.

Gli analisti prevedono che il prezzo dell’oro potrebbe superare la soglia dei 2.000 dollari l’oncia, anche a causa dell’indebolimento del biglietto verde. (finti Ansa e Agi)