Pace fiscale, è boom domande: oltre 1 milione. La scadenza al 30 aprile

di Redazione Blitz
Pubblicato il 28 aprile 2019 20:17 | Ultimo aggiornamento: 28 aprile 2019 21:33
Pace fiscale, scadenza il 30 aprile: boom di domande

Pace fiscale, boom di domande: oltre 1 milione di domande. Scadenza il 30 aprile

ROMA – Boom di adesioni per la pace fiscale con oltre 1 milione di domande. La scadenza per la presentazione delle richieste di rottamazione ter e di saldo e stralcio delle minicartelle è fissata al 30 aprile, ma i commercialisti stanno chiedendo una proroga proprio per poter gestire l’eccesso di domande arrivate. 

Gli ultimi dati ufficiali dell’Agenzia della Riscossione, riferiti al 18 aprile scorso, parlavano di circa 870 mila richieste, ma negli ultimissimi giorni, nonostante le festività di Pasqua e i ponti di primavera, il numero sarebbe salito, tanto da far prospettare come bilancio finale circa 1,1 milioni di possibili adesioni.

Gli uffici hanno lavorato in queste ore a pieno ritmo e gli sportelli sono rimasti aperti anche di sabato. Per altri due giorni sarà possibile recarsi ancora presso i presidi dell’Agenzia o presentare la domanda di definizione agevolata online, con il servizio “Fai D.A. te” sul sito della stessa Agenzia. Il servizio può essere utilizzato senza pin e password allegando il proprio documento di identità o in alternativa utilizzando lo Spid o le credenziali personali fornite dall’Agenzia delle Entrate o dall’Inps. E’ altrettanto possibile compilare i modelli di adesione disponibili in tutti gli sportelli e sul sito, consegnandoli direttamente in loco ai dipendenti dell’Agenzia o inviandoli tramite posta elettronica certificata (Pec).

I contribuenti possono infine anche delegare i professionisti, categoria da cui proviene ora la richiesta di un allungamento dei tempi di almeno un mese, fino al 31 maggio.”L’eccesso di domande ha creato una serie di problematiche. – spiega Marcella Caradonna presidente dell’Ordine dei dottori commercialisti e esperti contabili di Milano – La scadenza della pace fiscale si sovrappone a una molteplicità di altre scadenze che rischiamo di ingolfare il lavoro quindi confermiamo l’assoluta esigenza di una proroga”. La decisione spetterà al governo. Più di una volta in passato è stato accordato uno slittamento dei termini, arrivato però di solito sempre all’ultimo istante, evitando così di scoraggiare le ultime richieste.

Secondo i dati contenuti nel Def, le operazioni di rottamazione degli ultimi tre anni (comprese quindi anche le rate ancora in sospeso delle prime due definizioni agevolate) garantiranno nel 2019 incassi per 949 milioni, che saliranno a 1,5 miliardi nel 2020, 1,3 miliardi circa nel 2021, per sfiorare 1,7 miliardi nel 2022. La rottamazione ter (di sanzioni e interessi) è partita a novembre scorso dopo il decreto fiscale di ottobre, mentre il saldo e stralcio delle cartelle, con il pagamento di un percentuale tra il 16 e il 35% dell’importo dovuto riservato ai contribuenti in situazione di grave e comprovata difficoltà economica, è entrato in vigore dal primo gennaio, perché contenuto nella legge di bilancio.